Nuovi souvenir da Mosca

Una bancarella di souvenir moscoviti (Foto: Ria Novosti/Vladimir Fedorenko)

Una bancarella di souvenir moscoviti (Foto: Ria Novosti/Vladimir Fedorenko)

Idee commerciali fuori dal comune, sostenute dalla Commissione Turismo della capitale, puntano a mostrare il cuore e il sorriso dei russi, al di là degli stereotipi

Quasi il 75 per cento dei russi abita in città e pensa sempre di più a come rendere migliore il proprio centro abitato. Creare un’immagine urbana positiva è fondamentale in un mondo sempre più globalizzato, dove le città si contendono abitanti, uomini d’affari e aziende. Vince chi riesce a trasmettere una buona prima impressione.

La Russia ha avuto per molti anni la reputazione di Paese freddo e inospitale e Mosca, essendone la capitale, ha fatto suo questo stereotipo. Il blogger russo Ilja Varlamov, noto in rete con lo pseudonimo di “zjalt” ha di recente proposto dieci misure che potrebbero servire per trasformare Mosca in una “città a misura d’uomo”. Nella lista di Varlamov sono incluse piste ciclabili, più panchine e il divieto di transito per i veicoli in centro città. Iniziative del genere però richiedono tempo per essere attuate; al momento le autorità moscovite hanno deciso di seguire un approccio più estetico.

Ad aprile 2012 le autorità locali hanno annunciato una gara d’appalto per sviluppare un nuovo brand turistico della città. I partecipanti devono presentare un “logo originale e organico per restituire un’immagine di Mosca come centro turistico globale”, inventarsi uno slogan in inglese e in russo, mostrare immagini, colori, video e un brand book che descriva tutti gli elementi chiave del progetto.

“Comprendiamo che la creazione di un brand riconoscibile sia soltanto un modo per attirare l’attenzione”, ha affermato Georgij Mochov, vicepresidente della Commissione Turismo di Mosca. “Il nostro obiettivo principale è creare condizioni favorevoli per i turisti che vengono ad ammirare Mosca. L’anno scorso abbiamo preso una serie di misure – un call center per i turisti e un portale web (travel2moscow.com) –, abbiamo sparso cartelli in inglese per tutta la città e pubblicato in otto lingue delle guide, come Musei e monumenti insoliti e La metropolitana di Mosca”.

La Commissione Turismo della città e molti imprenditori locali hanno anche deciso che i souvenir in arrivo da Mosca devono essere un po’ aggiornati. La capitale russa è associata ai classici regali che si possono trovare in tutta la Russia: matrioshke, scialli, samovar, stoviglie colorate e colbacchi.

}

Il giovane moscovita Aleksandr Elzesser vuole dimostrare tanto ai turisti quanto ai russi che in realtà Mosca ha un cuore. La sua società Babushkov sta lavorando per sviluppare un brand che si chiama “Heart of Moscow”. Attraverso un blog e la vendita di un vasto assortimento di prodotti, Babushkov sta cercando di far innamorare della capitale russa il maggior numero di persone possibile.

Fin dai primissimi anni di vita Elzesser ha vissuto in centro, di giorno soffocato dalle code in macchina e godendosi di notte la tranquillità e la bellezza della città. “So che Mosca ha molti problemi, ma amo la mia città” ha detto Elzesser. “E se ciascuno arriverà a considerarla la migliore città del mondo tutto cambierà molto rapidamente”.

Heart of Moscow è un simbolo a forma di cupola della cattedrale di San Basilio, colorata a strisce bianche e rosse. Elzesser non lo ha messo soltanto su oggetti tradizionalmente associati alla Russia, quali i calzettoni invernali e le muffole, ma anche sui portatili e sulle custodie per gli smartphone.

Anche il sito Wow Moscow offre souvenir che non possono essere acquistati da nessuna altra parte. Tutti i prodotti sulla pagina Web presentano lo stesso simbolo: un sorriso stilizzato.

“Sentiamo che Mosca ha molto da offrire ed è in grado di sorprendere piacevolmente, far sorridere e far dire agli ospiti stranieri: Wow!. Il progetto rispecchia tutto questo”, ha dichiarato Aleksandr Sapov, uno dei fondatori del movimento sociale “Capitale – Centro culturale internazionale”, che è stato coinvolto nello sviluppo del brand.

La Commissione Turismo di Mosca ha da poco speso 5 milioni di rubli (circa 160.000 dollari) per creare souvenir che attraggano il viaggiatore di oggi. Tra i nuovi oggetti figurano chiavi Usb a forma di matrioshka, tappetini mouse con vedute della città e penne a sfera montate su cucchiai di legno. Attualmente la Commissione sta utilizzando i souvenir come oggetti promozionali, dandoli in regalo alle fiere internazionali del turismo.

L’obiettivo di progetti come Wow Moscow e Heart of Moscow è di smontare lo stereotipo di Mosca come una città di persone fredde, stressate e frustrate. Vogliono tutti mostrare al mondo che la capitale russa ha anche un cuore e un sorriso per i suoi visitatori.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta