Il naufragio del Bulgaria un anno dopo

Nel villaggio di Syukeevo, nelle vicinanze del luogo dell'incidente, è stato inaugurato un monumento alle vittime (Foto: Sergei Bogodvid / RIA Novosti)

Nel villaggio di Syukeevo, nelle vicinanze del luogo dell'incidente, è stato inaugurato un monumento alle vittime (Foto: Sergei Bogodvid / RIA Novosti)

Nella ricorrenza dell'affondamento del battello durante una crociera sul Volga, i risultati di un'indagine sulla sicurezza navale in Russia

Sono stati resi pubblici, a un anno esatto dalla tragedia dell'affondamento del battello Bulgaria nel Volga il 10 luglio 2011, i risultati di un un'indagine approfondita del Servizio di controllo dei Trasporti, che ha rivelato la non conformità alle norme di un quarto delle barche della flotta di navi fluviali della Russia.

"Oggi, non possiamo dire che non importa quale barca sia in servizio. Tutte le navi hanno continuato ad essere utilizzate dopo l'eliminazione delle violazioni. Ogni proprietario ha trascorso qualche tempo a preparare la sua barca per la messa in servizio, impiegando da diverse ore a diverse settimane", ha comunicato l'ufficio stampa del garante dei Trasporti. Nella maggior parte dei casi, i proprietari della barca chiudevano gli occhi sulla non conformità dei documenti della nave o sul numero insufficiente di strumenti aggiuntivi. Così, la maggior parte delle navi scoperte in violazione della normativa non erano dotate di tutti i mezzi di soccorso o i loro documenti non coincidevano con le effettive condizioni e le attrezzature della nave.

Il servizio di controllo della Commissione Transporti ha concluso che le cause dell'incidente del Bulgaria sono state dovute a una combinazione di fattori: il mancato rispetto da parte dell'armatore e del comandante delle norme che regolano la sicurezza della navigazione durante la pianificazione, la preparazione e il completamento del viaggio, durante il quale la sicurezza della navigazione non è stata assicurata. Insufficienti anche la formazione e la disciplina dei membri d'equipaggio.

Una causa giudiziaria era stata avviata dopo l'affondamento del Bulgaria. L'indagine sulle circostanze del naufragio della nave ora volgono al termine. Il procedimento penale è in 90 volumi. Il 10 luglio 2012 la lettura dell'accusa. Dopo di che, i materiali sono stati presentati alla Corte. Sono state condotte circa un migliaio di interviste e decine di valutazioni. Risponderanno di responsabilità penale in cinque; tra loro, il capitano del Bulgaria, Ramil Khametov, il vice della nave, Svetlana Inyakin, e un esperto del Registro fluviale russo, Jacob Ivashov. L'inchiesta è stata prorogata fino al 10 novembre 2012.

La nave "Bulgaria", costruita nel 1955 in Cecoslovacchia, affondò il 10 luglio 2011 durante una tempesta. A bordo c'erano 201 persone, invece delle 120 permesse; 79 furono i sopravvissuti, in 122 morirono, tra loro anche 28 bambini.

Articolo basato su informazioni tratte da RIA Novosti, Primetime, RBC, Vzgliad

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta