L'Università russa ai voti

Foto: Itar-Tass

Foto: Itar-Tass

Rush finale per le immatricolazioni degli studenti russi: la scadenza è fissata al 25 luglio 2012. Mentre gli atenei rincorrono le classifiche mondiali

Le università russe sono attente alla classifica? Non ci sono atenei della Federazione che appaiono quest'anno nella lista delle 100 università al mondo, compilata da The Times Higher Education. Maria Agranovich di Rossiyskaya Gazeta ha parlato con Jamil Salmi, coordinatore per l'Europa orientale della Banca Mondiale dell'Educazione, e Philip Altbach, direttore del Centro per l'Educazione internazionale superiore al Boston College, sulla qualità delle università russe e dell'importanza di questa classifica.

La Russia ha molte università i cui titoli sono riconosciuti all'estero. Perché le università russe si classificano così male?
Philip Altbach: Non si deve prestare molta attenzione alle classifiche: molte di loro prendono in considerazione solo pubblicazioni in lingua inglese. In parte è per questo che ci sono così tanti Paesi anglosassoni al top. C'è una questione più importante, però, che spinge la Russia lontano dalle posizioni di vertice: gli stipendi pagati ai docenti universitari. Abbiamo confrontato gli stipendi universitari in 28 Paesi del mondo in uno studio congiunto con la Scuola Superiore di Economia, e la Russia si è posizionata agli ultimi posti, solo l'Armenia paga di meno. I calcoli si basano sulle retribuzioni in rapporto al Pil e i salari medi del Paese. La top-five comprende Canada, Italia, Sud Africa, India e Stati Uniti, dove i professori universitari prendono in media 4.000 - 6.000 dollari al mese, a fronte di meno di 1.000 dollari in una università russa. 

Jamil Salmi: Se devi guardagnare denaro, che ricerca seria ci può essere? Molti scienziati russi lavorano fuori dalla Russia a causa di un ambiente più favorevole. I professori devono essere pagati di più, e l'aumento di stipendio deve venire dal bilancio dello Stato. La Russia ha bisogno di un sistema retributivo più flessibile e di incentivi. 

Quanto dovrebbe essere pagato un docente universitario? 

Philip Altbach: Non si può avere una somma specifica; essa si differenzia a seconda del Paese. Ma in tutti i Paesi i ricercatori devono essere pagati a sufficienza per poter lavorare coi propri sforzi, mantenendo un singolo incarico in un'università. Da qui bisogna partire. 

L'università russa e il suo sistema di ricerca sono molto diversi da quello occidentale? 
Philip Altbach: La Russia ha un patrimonio enorme, un sistema accademico di classe, ma è troppo isolato. 

Jamil Salmi: Un semplice esempio è il numero molto limitato di studenti russi che parlano un buon inglese. Ci sono alcuni corsi in inglese, che costituiscono una componente fondamentale di scambio accademico e di attrazione per studenti e docenti stranieri. Lo stesso vale per le pubblicazioni. È possibile pubblicare eccellenti articoli su riviste russe, ma finché rimangono solo in russo, sarà una sfida persa per le classifiche internazionali, e spesso per il mondo intero. 

Le università russe sono state recentemente fuse per creare progetti di ricerca e centri di formazione. È una nuova tendenza? 
Jamil Salmi: Ogni Paese dovrebbe avere alcune principali università che fungano da centri di ricerca; tuttavia, è importante non esagerare, non concentrarsi sulla sola scienza. Quando si punta sulla ricerca, c'è pericolo di danneggiare il processo di insegnamento. Per grandi Paesi, compresa la Russia, non è necessario porre l'accento sulla ricerca, ma concentrarsi sul processo educativo e sui suoi risultati. 

C'è una differenza tra accademia e università della scienza? 
Philip Altbach: Questa è una domanda molto importante. Credo che il sistema dell'Accademia delle Scienze, che non esistesolo in Russia, ma anche in Cina, non sia una buona idea per la Francia o la Germania, almeno in tempi moderni. Abbiamo bisogno di una completa integrazione della scienza e dell'istruzione oggi, così come il coinvolgimento della ricerca nel processo di insegnamento.

Come sarà più facile affrontare l'arena globale dell'istruzione: in un'università specializzata o in una tradizionale? 

Philip Altbach: Meglio concentrarsi su qualcosa di specifico invece di cercare di comprendere tutto. La maggior parte delle università di più alto rango hanno a che fare con le scienze naturali, ma la cosa principale è quella di assicurare un processo di alta qualità educativa e pagare ai professori stipendi decenti. 

Dovrebbe l'istruzione superiore essere libera?

Jamil Salmi: Se la formazione è per essere avvocati o medici, professioni che garantiscono alti redditi, allora sarebbe logico pagare. Gli studenti avranno i loro investimenti rimborsato al centuplo. 

Purtroppo i medici non vengono pagati molto in Russia, né gli insegnanti. 
Jamil Salmi: L'istruzione superiore deve fondamentalmente essere gratuita, come un beneficio che ha un'importanza colossale per la società e l'economia nel suo complesso. Ma c'è qualcosa di più complicato nella pratica. Tutti noi vorremmo essere nati, diciamo, in Svizzera, dove il governo è abbastanza ricco per offrire a tutti l'istruzione superiore gratuita. Tuttavia, la maggior parte dei Paesi, inclusi gli Stati Uniti, non può permettersi questo, motivo per cui le università pubbliche hanno bisogno di fare bilancio. Ma non dobbiamo dimenticare l'eguaglianza sociale. Giovani talenti che possono diventare ottimi specialisti devono avere il diritto all'istruzione superiore libero. Il governo dovrebbe esserne responsabile, offrendo loro questa opportunità. 

Pubblicato per la prima volta su Rossiyskaya Gazeta

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta