A tutta economia in Ambasciata

Il Forum di San Pietroburgo e la tre giorni “Italy meets the Caucasus” tra le iniziative che hanno visto in prima fila Villa Berg

L’estate russa è iniziata con una visita dell’Ambasciatore Antonio Zanardi Landi al sedicesimo Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo, dove quest’anno la presenza italiana brillava per la partecipazione simultanea degli amministratori delegati di Eni, Enel e Finmeccanica e per la conclusione di importanti accordi tra imprese italiane e controparti russe.

Terminato il Forum, è subito iniziato l'“Italy meets the Caucasus”, una tre giorni organizzata dal Consolato Generale onorario d’Italia a Krasnodar, in collaborazione con Denezhnij Pereulok 5 e la Camera di Commercio italo-russa, di visite sul territorio e di incontri tra imprenditori e autorità locali per approfondire le potenzialità di cooperazione economica. Con un occhio, ovviamente, alle Olimpiadi di Sochi, ormai all’orizzonte.

Due settimane tutte economiche, nelle quali si è inserita la cerimonia di conferimento dell’onorificenza della Stella d’Italia, nel grado di Commendatore, a Sergey Katyrin, presidente della Camera di Commercio della Federazione Russa, per il prezioso contributo assicurato allo sviluppo delle relazioni tra gli imprenditori di Roma e Mosca.

Ma se l’economia ha ricoperto una parte da protagonista in questo inizio d’estate, anche la cultura ha avuto il suo ruolo, con il susseguirsi a Mosca di quattro appuntamenti di rilievo: la mostra al Museo dell’Architettura di Carlo Gavazzeni Ricordi, fotografo milanese autore di affascinanti immagini oniriche di storici luoghi romani; la presentazione sull’Arbat dei cinque finalisti del prestigioso appuntamento letterario “Premio Strega”, e la foltissima presenza cinematografica italiana, prima con Paolo Taviani al Festival “Drugoe kino”  e poi con Ferzan Ozpetek al Festival Internazionale del Cinema di Mosca, dove si è aggiudicato con il suo “Magnifica presenza” il gran premio del pubblico.


Fonte: Carlo Gavazzeni Ricordi

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta