Febbre da Europei

Secondo un sondaggio, in molti luoghi di lavoro in Russia si è dovuto chiudere un occhio per tutti quei dipendenti arrivati in ritardo in ufficio all'indomani delle partite della Nazionale

La febbre da Europei colpisce la Russia. In occasione delle partite della Nazionale di mister Advocaat, infatti, numerose ditte hanno chiuso un occhio davanti ai dipendenti arrivati in ritardo sul posto di lavoro. Secondo quanto riportato dal portale SuperJob, il 3 per cento dei russi è arrivato tardi in ufficio all’indomani dei match.

È andata meglio per quel 58 per cento che ha guardato la partita, senza però rimandare la sveglia il giorno dopo. Il 39 per cento dei russi, invece, non si è nemmeno sintonizzato sulle frequenze degli Europei, convinto che “la squadra russa non vincerà”. “Perché quindi rovinarsi l’umore?”, hanno commentato.

Una febbre, quella per il calcio, probabilmente scesa dopo l’eliminazione della Russia, battuta dalla Grecia, nonostante a inizio torneo rientrasse nella rosa delle favorite. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta