Una mostra tattile

Sculture per non vedenti e ipovedenti esposte alla Nuova Galleria Tretyakov di Mosca. La prima tappa di un grande progetto sociale

Strane, assurde, grottesche possono sembrare a prima vista le sculture esposte al secondo piano Nuova Galleria Tretyakov di Mosca (Krymski Val). Ma qui, l'osservazione è tutt'altro che essenziale: queste opere sono state create appositamente per la percezione tattile.

Aleksandr Smirnov-Panfilov

Nato nel 1963, si è laureato presso l'Istituto Statale Accademico di Belle Arti di Mosca. Attualmente insegna presso l'Accademia di Scultura e Architettura di Ilya Glazunov. Le sue opere sono in collezioni del Fondo del Ministero della Cultura, al Museo Russo, all'Istituto di Architettura di Portland (Usa), nonché presso privati in Russia, Germania, Italia, Stati Uniti. Ha inventato l'Oscar dei fallimenti

È possibile accarezzare il dorso di un cervo, un cranio, spingere le dita nei buchi di un formaggio... nessun rimprovero. In totale, il museo ospita 25 opere scolpite in bronzo, legno o pietra dall'artista Aleksandr Smirnov-Panfilov.

Volutamente grottesche, esagerate le loro forme. Il progetto espositivo è frutto di un'idea dello studio tedesco Franke Design Studio Steinert, che progetta regolarmente spazi espositivi dedicati ai non vedenti per i musei di Berlino. Inutile dire che, tutte le sculture hanno commenti in Braille. 

La mostra rientra nel progetto concepito nel quadro di un museo aperto a tutti, lanciato nel 2007 dalla Galleria Tretyakov. Lo scopo di questo programma è quello di consentire l'accesso all'arte a tutte le persone con disabilità. Nel 2011, il Fondo di beneficenza di Vladimir Potanin decise di sovvenzionare la mostra per i non vedenti, che si svolge anche oggi.

 Tra le sculture in mostra, ci sono Toulouse Lautrec, Van Gogh e Marc Chagall. "Per i ciechi, palare di Van Gogh è una totale astrazione. Ma qui, possono scoprire i ritratti scultorei di Van Gogh. Essi non sono forse del tutto veri per i quadri, ma questo è un buon modo per presentarlo visivamente", spiega Elena Guerassimova, curatrice dell'esposizione. Per lei, "mostre progettate per la percezione tattile possono acquisire familiarità con questa forma d'arte, e, per i non vedenti, questa è probabilmente un'occasione unica per entrare nel mondo delle belle arti". 

Ma la mostra non attira solo persone affette da cecità. Grandi e piccoli vengono a godersi il tocco d'arte. "Di solito, nei musei, è vietato toccare, ma qui si può", esclama Andrei, un giovane visitatore. 

La mostra durerà fino alla fine di novembre 2012, alla Nuova Galleria Tretyakov. Un'altra esposizione tattile seguirà a dicembre 2012

Info: New Tretyakov Gallery, Art of the 20-Krymski Val, 10, Mosca. Sito web

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta