Premio Raduga, ecco i vincitori

Sono Giorgia Pomarolli e Federica Di Rosa le giovani autrici che il 29 giugno 2012 si recheranno a San Pietroburgo per la consegna del riconoscimento dedicato a traduttori italiani e russi

Si chiama Giorgia Pomarolli, classe 1987, laurea in Lingua e Letteratura Russa all’Università di Trento. E’ lei la vincitrice del Premio Raduga, sezione “Migliore traduttore dell’anno 2012”, che il 29 giugno 2012 volerà a San Pietroburgo per la consegna del premio. Insieme a lei, si recherà nella Venezia del Nord anche Federica Di Rosa, 36 anni, diplomata in Scrittura Drammaturgica presso la scuola d’arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano, vincitrice nella sezione “Giovane autore dell’anno 2012”.

Sono loro le ragazze che hanno trionfato nel concorso lanciato dall’Associazione Conoscere Eurasia di Verona e dall’Istituto Letterario Gorky di Mosca. Un’occasione per rinforzare quel ponte di letteratura e poesia che unisce la Russia e l’Italia.

Riconoscimenti anche per due russi, Juri Lunin e Tatiana Bystrova, che si sono contraddistinti rispettivamente con la traduzione dei racconti “Bestie” e “12 giugno 2012”.

“In tre anni la popolarità del premio è notevolmente cresciuta – ha affermato Antonio Fallico, presidente dell’Associazione Conoscere Eurasia -, e ha contribuito non solo a rafforzare le relazioni culturali tra i due popoli, incentivando la creatività dei giovani che hanno dimostrato il coraggio di intraprendere anche i percorsi più difficili per migliorare il loro modo di scrivere e realizzare così un’ambizione ”.

Oltre 700 le opere di giovani autori provenienti dai due Paesi raccolte dal 2010 ad oggi. “Il Premio Raduga è una grande occasione per incrociare studi, passioni e orizzonti culturali e linguistici – ha aggiunto Inge Feltrinelli, presidente della giuria italiana -. La cultura russa ha sempre esercitato un profondo interesse in Italia. Il Premio è diventato un appuntamento che getta un ponte molto concreto. Sia nei racconti che nelle traduzioni si respira un’aria nuova. Che sia benvenuta, quest’aria nuova. E che siano benvenuti i giovani talenti che ne sono protagonisti”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta