Euro 2012, De Rossi e la sua "kerzhakovata"

The Guardian ha coniato un nuovo termine, preso in prestito dal cognome dell'attaccante russo Kerzhakov, in riferimento alla cilecca del centrocampista italiano nel match contro l'Inghilterra

L'azzurro Daniele De Rossi come il russo Aleksandr Kerzhakov. Non hanno usato mezzi termini i giornalisti del quotidiano The Guardian commentando l’incontro dei quarti di finale di Euro 2012 tra Inghilterra e Italia, dal quale ne è nato un nuovo termine, dal sapore al cento per cento russo, che potrebbe entrare nell’uso quotidiano del gergo calcistico inglese.

La parola, o meglio, il verbo in questione, sarebbe “Kerzhakov”, dal nome dell’attaccante russo Aleksandr Kerzhakov, per l’appunto, che durante il match contro la Repubblica Ceca ha tirato sette volte contro la porta avversaria, senza mai riuscire a centrare il bersaglio. Al cognome del povero Kerzhakov è stato quindi attaccato il suffisso “–ed” per forzare la matrice inglese del termine. Fare una “kerzhakovata”, si direbbe in italiano.

Un ritratto di Aleksandr Kerzhakov da Youtube

Il termine è infatti stato adottato dai commentatori durante il match contro l'Inghilterra che ha portato l’Italia in semifinale, nonostante i molti tiri sbagliati verso la porta avversaria. Uno di questi, ha visto De Rossi sparare la palla fuori di sei metri da posizione molto ravvicinata. E da qui la frecciatina dei giornalisti: “Che cilecca, De Rossi! Come è possibile che l’Italia non sia andata in vantaggio? Hart respinge l’angolo da sinistra, palla rimessa davanti alla porta da un giocatore italiano. La difesa inglese dorme, ne approfitta De Rossi che, da posizione ravvicinata, spreca tutto con una kerzhakovata a lato di sei metri”.


Impossibile per i russi non notare il riferimento al povero attaccante della Nazionale di Advocaat, in forza allo Zenit San Pietroburgo, che potrebbe ora diventare il simbolo del fiasco calcistico, guadagnandone però in popolarità.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta