Chi fermerà le proteste?

Vignetta: Niyaz Karim

Vignetta: Niyaz Karim

La legge che inasprisce le sanzioni per manifestazioni non autorizzate non sembra spegnere il dissenso sociale nella società russa

Le manifestazioni che hanno avuto luogo a Mosca il 12 giugno 2012, Giorno della Russia, hanno dimostrato che le nuove sanzioni contro le proteste non impediranno alle persone di esprimere il loro malcontento. 

Il parlamento russo ha approvato una legge che aumenta notevolmente le sanzioni per le violazioni amministrative durante le proteste pubbliche. Il disegno di legge è stato specificamente progettato per tenere a freno la reazione di piazza.

Questa legge è una chiara risposta del governo all'attività di piazza che è aumentata nelle grandi città della Russia da dicembre 2011. La prima manifestazione, la più grande da quando il Presidente Vladimir Putin è salito al potere nel 2000, era una protesta pubblica contro le frodi durante le elezioni della Duma di Stato. Questa fu seguita da altre manifestazioni, in particolare alla vigilia dell'insediamento al Cremlino di Putin a maggio 2012, che si è conclusa con oltre 400 arresti.

Secondo testimoni oculari, entrambe le parti hanno reagito duramente: i poliziotti si sono aspramente vendicati di certe azioni violente di alcuni provocatori mischiati ai manifestanti, creando maggiori tensioni. Subito dopo questi disordini, è stata creata la nuova legge, la quale dimostra che le autorità ricorreranno al mantenimento dell'ordine a scapito della libertà di riunione.

Questo è un segnale chiaro alla gente che le autorità considerano queste dimostrazioni violazioni dell'ordine pubblico, piuttosto che una richiesta legittima di cambiamento. I manifestanti sono, infatti, ora equiparati a teppisti di strada.

Tuttavia, secondo molti esperti, con questi messaggi, il governo potrebbe causare una reazione contro di esso, portando a grandi azioni di protesta nell'autunno 2012.

Un recente studio condotto da Olga Kryshtanovskaya, capo del Centro per lo Studio del dominio di classe presso l'Accademia Russa delle Scienze, mostra che il nucleo dei manifestanti si sta ampliando. Le autorità dovrebbero essere più scrupolose nelle decisioni che prendono, dal momento che, si legge nella ricerca, questi disordini civili non scompariranno fino a quando persisteranno alcune condizioni di base.

Primo fra queste condizioni è il dominio totale delle autorità in molte aree della vita pubblica. Questa è la causa principale della corruzione diffusa e dell'inefficienza dei servizi pubblici che, a loro volta, causano profonde disfunzioni economiche e sociali. Ecco perché uno dei compiti chiave del nuovo mandato presidenziale di Putin è quello di stringere rapporti con i gruppi sociali che hanno reso esplicito il loro malcontento contro l'attuale governo.

La capacità delle autorità e la volontà di avviare un dialogo pubblico più ampio e di prendere in considerazione i diversi punti di vista presentati dalla piazza potrebbero determinare in larga misura il successo dell'ultima presidenza di Putin. Mentre i cittadini di città di piccole dimensioni con vecchia struttura industriale sovietica sostengono ancora saldamente la stabilità di Putin, secondo Lev Gudkov, un sociologo russo, capo del Centro Levada, i ricchi abitanti, più creativi e colti, delle grandi città, in particolare Mosca e San Pietroburgo, chiedono urgenti riforme politiche che coinvolgano i sistemi giudiziario ed elettorale.

Questa è la prima volta in oltre un decennio che una tale domanda porta a un maggiore coinvolgimento del pubblico nel governo. Chiaramente, ora, che il patto sociale tra la società e le autorità tacitamente siglato nei primi anni 2000 sta per esaurirsi, esso deve essere sostituito da un accordo più democratico. L'essenza era così: le autorità non entrano nelle faccende private della gente e la gente non curiosa nelle attività politiche della classe dirigente.

La situazione sta cambiando, in quanto i progressisti richiedono un vero dialogo con le autorità e un maggiore coinvolgimento nella vita sociale e politica del Paese. Il paradosso è che questa domanda arriva da un ambiente che ha sostenuto i primi due mandati della presidenza di Putin.

Nel corso di questi anni, però, la ricca borghesia urbana è emersa e ha preso forma, ed è scesa in strada nel mese di dicembre 2011. Queste voci di protesta sono state in grado di alzarsi e di essere ascoltate per mezzo delle nuove tecnologie di comunicazione dell'era digitale.


L'aumento rapido della diffusione di Internet e dei social network rappresenta uno dei cambiamenti più importanti nella società russa negli ultimi anni, anche se le autorità non hanno ancora compreso il suo significato. Un recente studio condotto dal Pew Research Center ha rilevato che "dopo un inverno di malcontenti, i russi esprimeno un aumento dell'appetito per la libertà politica. Rispetto a pochi anni fa, più russi credono che il voto dia alla gente come loro l'opportunità di esprimere il loro parere sull'amministrazione del Paese... e vedere maggiore libertà di stampa ed elezioni oneste risulta oggi molto importante". 

Resta la questione se le autorità siano disposte a concedere tali risposte. Finora no, e questa miopia politica può portare ai peggiori disordini politici che la Russia abbia visto nell'ultimo decennio. 

Svetlana Babaeva è un'analista senior di RIA Novosti

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta