Cultura in festa a Perm

Fino al 24 giugno 2012 la città della parte più estrema della Russia europea si accende di arte con l'annuale festival all'aperto, volano per la ripresa dell'economia locale. C'è anche un po' d'Italia

Foto: ufficio stampa

Un'esperienza unica si sta svolgendo a Perm, città industriale ai confini con gli Urali. Un festival, fino al 24 giugno 2012, scuote le abitudini monotone di un milione di abitanti di questo ex complesso militare-industriale sovietico. La grande piazza centrale si è trasformata in una "città-festival", piena di gente dalle 11 alle 23. Sale da concerto, mostre, cinema, laboratori artisti e artigiani per opportunità culturali disparate.

 
"Sono venuta per curiosità e perché è tutto gratis", ammette Julia, studentessa di 21 anni, a Perm accompagnata da due amici. "Ho visto acrobati messicani, ho imparato a modellare figurine di creta, ho ascoltato concerti, visto sculture bizzarre e altre cose divertenti; il tutto in solo quattro ore". La folla a piedi riempie padiglioni in legno e prati e circonda le sculture di sabbia; in maggioranza sono giovani, ma ci sono anche intere famiglie e numerosi pensionati.

Irina, 65 anni, arrivata casualmente nella sala delle esposizioni mentre cercava una via di uscita, racconta: "Quando ho visto per la prima volta i collage del passato ("scheletri Vari" di Alessandro e Olga Florenskykh) sono rimasta inorridita. Ma mi hanno spiegato che era un modo per rivalutare il nostro patrimonio". Queste sculture d'arte contemporanea che rappresentano animali suggeriscono una collisione tra due cimiteri, uno di animali estinti, gli altri di strumenti di mestieri dimenticati. "Rendiamo accessibili le opere al pubblico", spiega Vladimir Gurfinkiel, direttore artistico del festival. "È essenziale che la percezione delle opere d'arte sia emotiva: lo spettatore lascia la città con un senso di libertà interiore".

La programmazione artistica ha una forte componente internazionale, con il teatro di strada da Francia e Germania, mentre i musicisti provengono da tutta Europa e persino Messico. "Siamo accusati di invitare stranieri a scapito degli artisti locali - sottolinea Boris Milgram, assessore alla Cultura e l'iniziatore della rivoluzione culturale di Perm. - Io rispondo che il nostro obiettivo non è quello disoddisfare la politica o gli artisti, ma il pubblico. Noi vogliamo offrire accesso gratuito al panorama culturale internazionale, trasmettere valori, educare alla qualità".


Al di là del festival, Perm coltiva obiettivi a lungo termine. Per effetto della deindustrializzazione ha perso circa 150.000 abitanti, andati a cercare lavoro altrove. Per Milgram, la cui professione è di direttore teatro, "dobbiamo rendere la vita interessante per i locali e trattenere le persone. Dobbiamo sviluppare nuove attività  che facciano girare l'economia, che attraggano professionisti qualificati, istruiti. L'economia ha bisogno di modernizzarsi, abbiamo bisogno di un'offerta culturale ricca, non solo di grandi stipendi". E cita un sondaggio che indica che nel 2008 il 60 per cento dei giovani voleva lasciare la regione. "Da quest'anno, Perm invertito la tendenza", si rallegra, mostrando che i suoi sforzi avviati otto anni fa hanno contribuito a questo risultato.

Perm soffre uno dei problemi più critici del Paese: la centralizzazione estrema di tutti i poteri (politico, economico, culturale) nella capitale. Tutte le forze sono attratte verso il centro, mentre la grande periferia russa è vuota. Il gallerista di Mosca Marat Guelman, guru dell'arte contemporanea russa, invitato a Perm da Milgram, fornisce una spiegazione: "Inizialmente, le città erano fortezze, la loro funzione era la sicurezza. Sono diventati centri commerciali e centri industriali. Siamo ora in una quarta fase". Quella del tempo libero? "Negli esempi di successo di conversione urbana, è la cultura che prende il posto delle piante. Le persone hanno più tempo libero, un tempo di cui prendersi cura in modo gratificante per non  sfociare nell'alcolismo, nella delinquenza. Il nostro compito è quello di fornire occupazioni positive, creative e trovare un impiego per tutti gli interessati".

In tre anni di presenza a Perm, Marat Guelman ha dato vita ad un importante museo d'arte contemporanea (chiamato PermM) nel vecchio terminal dei traghetti in disuso. L'ex ospedaleè stato convertito in una residenza artistica. L'ex fabbrica di tabacco ospita una grande mostra di artisti degli Urali. E non è tutto. Quasi tutte le facciate degli edifici sono state messe a disposizione degli artisti e sono ora coperte con graffiti elaborati.

Grazie a questa profonda trasformazione del paesaggio urbano, lo scopo di Milgram è portare la città nel club molto ristretto delle "capitali europee della cultura". Come Parigi, Berlino o Istanbul. Una sfida ancora più impressionante che nessuna città russa ha accettato, neanche San Pietroburgo. Ma la cultura può riempire il vuoto lasciato dall'industria? La tempesta sollevata dal trio Milgram-Gurfinkiel-Guelman ha ovviamente colpito un muro di scetticismo. Una pretesa, per alcuni, di fornire ossigeno a una cultura locale  dormiente da decenni; per altri le spese sostenute sono esorbitanti. La feroce opposizione arriva soprattutto dall'associazione locale di artisti. "Non potevano sopportare di essere in una situazione di concorrenza. Sono diventato per loro il nemico. Non capivano che l'arte contemporanea è personalità. Vogliono una mostra con 60 artisti, ciascuno con tre lavori. Dobbiamo fare il contrario: selezionare tre artisti con un'opera".



La cultura pesa anche sul bilancio locale, ma ripaga l'investimento. L'attrattiva per i frequentatori di città va ben oltre l'industria del turismo. Naturalmente, per salire ad alti livelli di notorietà, serve a Perm più di un decennio di sforzi costanti. Tutti dipendono dalla capacità delle élites politiche regionali, e anche federali, di essere lungimiranti. Il pubblico locale ha già scelto. Con i suoi piedi. In undici giornate di attività, il festival ha registrato già mezzo milione di visitatori.

Un po' d'Italia al Festival delle Notti Bianche di Perm

L'Associazione Italia Russia e il Museo d'Arte Contemporanea "Permm", fino al 24 giugno, aspettano i nostri lettori all'INTROSPECTIVE TRASPARENCE, workshop e incontri sull'arte contemporanea (Per info, cliccare qui)

Fonte: Associazione Italia Russia

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta