Anche Lenin va in ferie

Foto: Itar-Tass

Foto: Itar-Tass

Il mausoleo che custodisce il corpo del padre della rivoluzione, in Piazza Rossa a Mosca, resterà chiuso per lavori dal 18 giugno al 9 luglio 2012

All’ombra del Cremlino la coda di visitatori è sempre molto lunga. E avanza lentamente sotto il sole cocente o sotto i fiocchi di neve, per ammirare, anche solo per pochi secondi, il corpo di Lenin che riposa, fra mille polemiche, nel mausoleo in Piazza Rossa.

Quest’estate, però, in ferie ci andrà anche lui. La sala che custodisce il corpo del padre della rivoluzione russa chiuderà i battenti dal 18 giugno al 9 luglio 2012 per manutenzione, e più in particolare per dei lavori a carattere geologico, così come riportato dall’agenzia di stampa Ria Novosti.

“A causa di queste operazioni, il mausoleo resterà chiuso ai visitatori”, si legge in un comunicato diffuso dal Servizio di Sicurezza Federale della Russia.

Niente visita quindi per i tanti turisti che si recheranno a Mosca durante il periodo estivo. Anche se le inaspettate ferie di Lenin non serviranno per placare le proteste che da anni ruotano attorno al sepolcro: mausoleo sì, mausoleo no, in un braccio di ferro che vede da una parte chi vorrebbe seppellire il corpo, e dall’altra chi vorrebbe mantenere il leader al suo posto.

Secondo un recente sondaggio condotto dalla Fondazine per l'Opinione Pubblica Fom, il numero di persone che preferirebbe interrare il corpo è aumentato del 10 per cento, facendo diminuire dal 1999 il numero di russi che invece vorrebbero continuare a vederlo all'interno del mausoleo (28 per cento).

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta