Racchette russe al top

RIA Novosti / Alexey Kudenko

RIA Novosti / Alexey Kudenko

Le atlete della Federazione dominano la classifica del tennis femminile Wta, con 11 nomi nella top 100, compreso la nuova numero 1 al mondo, Maria Sharapova

Con la sua vittoria al Roland Garros 2012, Maria Sharapova è risalita al posto di numero 1 nella classifica Wta (World Tennis Association). Diventando una delle 10 donne che abbia completato un Grande Slam, vincendo Wimbledon, gli Open francesi, australiani e Us Open. La sua realizzazione è sia un trionfo personale ma ache il segnale che la Russia continuerà a dominare il tennis femminile mondiale.

Il primo Presidente della Russia, Boris Eltsin, era un appassionato di tennis e la sua elezione ha portato nuova linfa a questo sport. Il successo negli anni di Eltsin di Anastasia Myskina e Elena Dementieva nel Wta contribuirono alla popolarità del tennis nel Paese, e sempre più giovani ragazze russe si sono avvicinate alle racchette.

Le tenniste russe hanno vinto titoli del Grande Slam sette volte negli ultimi 15 anni. Sebbene le donne russe dominato il tour alla fine del 1990 e gli inizi del 2000, molti dei grandi nomi, come ad esempio Myskina, Dementieva e Safina si sono ritirati negli ultimi cinque anni. Tuttavia, la salute generale del tennis russo resta buona. La Russia ha il maggior numero di giocatori,11, di qualsiasi Paese nella classifica Wta; Repubblica Ceca e Stati Uniti ne hanno otto per uno. Tuttavia, Sharapova è l'unica nella top 10 ed anche l'unica vera concorrente per i titoli più importanti tornei.

 La Russia ha vinto quattro titoli FedCup negli ultimi dieci anni (2004, 2005, 2007 e 2008) e ha alcuni giovani talenti, come Anastasia Pavlyuchenkova, Maria Kirilenko e Ekaterina Makarova, non ancora esplosi. Ma gran parte delle promesse russe Russia è attualmente all'estero. Maria Sharapova aveva solo otto anni quando i suoi genitori la mandarono alla prestigiosa Bollettieri Tennis Academy in Florida, dove ha ricevuto una formazione intensa sia nel tennis sia per lo stile di vita americano.

Da allora la Sharapova, sempre orgogliosa delle sue radici russe, visita la sua patria solo poche settimane all'anno. La sua storia è comune agli sportivi russi di questa generazione, che hanno lasciato la Russia per le sue condizioni meteorologiche estreme, la mancanza di infrastrutture per il tennis moderno e i duri metodi di allenamento sovietici. Come Sharapova, Anna Kournikova e Vera Zvonareva, si allenano in Florida, mentre Svetlana Kuznetsova, Dina Safina e Maria Kirilenko preferiscono la Spagna. Un'esperienza alla portata di tasche gonfie: i dieci mesi di anno accademico presso la Scuola Sánchez Casal a Barcellona costano 56 mila dollari. Emilio Sanchez Vicario, medagliato olimpico del 1988 ai Giochi di Seoul e attuale direttore dell'accademia sottolinea: "Lo studente medio russo arriva con buone capacità tecniche e fisiche, ma poi c'è il fallimento tattico: è impaziente".

La nuova generazione di giocatori formati all'estero ha cambiato la percezione delle star del tennis russo, nel bene e nel male. Appaiono sulle coperine di Sports Illustrated Swimsuit Edition e Vogue; parlano tutti un inglese fluente, hanno fidanzati famosi (per lo più atleti) e la telecamera li ama. Sono un prodotto di marketin. Anna Kournikova è stato forse il primo esempio: anche se il suo successo sul campo è stato limitato, il suo successo come marchio non può essere sottovalutato. 

A differenza della Kournikova, il successo della Sharapova risiede sia nella sua bravura atletica sia nella capacità di gestire il suo ruolo di cover-girl. Secondo Forbes, Maria è la più ricca atleta di sesso femminile: ha guadagnato 26 milioni dollari tra maggio 2011 e maggio 2012, tra questi 9 milioni provenivano dalla Nike, 4 dalle vincite nei tornei.

Le tenniste russe della top 100 del Ranking WTA

Maria Sharapova - 1

Vera Zvonareva - 13

Maria Kirilenko - 19

Nadia Petrova - 23

Svetlana Kuznetsova - 33

Anastasia Pavlyuchenkova - 34

Ekaterina Makarova - 53

Alexandra Panova - 73

Elena Vesnina - 82

Nina Bratchikova - 88

Vera Dushevina - 93

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta