Il tesoro turkmeno

Foto: Tulchinskij/Ria Novosti

Foto: Tulchinskij/Ria Novosti

L’ex repubblica centroasiatica con le sue immense risorse di gas diventa una concorrente sempre più agguerrita per la Russia

Se Russia e Cina non hanno ancora raggiunto un accordo definitivo sulle forniture di gas (Pechino gioca al ribasso, Mosca non vuole fare beneficenza), ecco che spunta il Turkmenistan a metterci una pezza e a dare una calmata alla sete cinese. 

Cnpc e Turkmengaz hanno recentemente firmato un accordo per accrescere i volumi destinati alla Repubblica popolare sino a 65 miliardi di mq all’anno. Ed è sempre di qualche settimana fa la notizia che il Turkmenistan ha finalmente messo insieme India e Pakistan per la costruzione del Tapi, il gasdotto che dalla repubblica centroasiatica dovrebbe arrivare in India attraversando Pakistan e anche Afghanistan.

Quasi 1800 chilometri per un progetto che da decenni è in lista d’attesa, ma a causa dell’instabilità delle regioni che percorre è sempre stato rimandato. In realtà fino ad oggi di contratti veri e propri non ce ne sono (e anche Kabul ha siglato solo un memorandum con Ashgabat), ma l’intesa con Delhi e Islamabad è un notevole passo avanti rispetto ai castelli nell’aria del passato.

L’offensiva turkmena agita un po' i sonni del Cremlino e soprattutto quelli di Gazprom, che anche sul lato occidentale teme di perdere qualche colpo. Il Turkmenistan è il quarto Paese al mondo per quel che riguarda le riserve di gas e se al momento le sue esportazioni si fermano a circa 30 miliardi di mq annui, entro il 2030 dovrebbero crescere fino a 180.

Ashgabat vorrebbe dirigersi non solo verso Est, Cina e India, ma anche verso Ovest, dove da sempre è la Russia ad avere il monopolio. Su questo versante Gazprom ha già messo in piedi il gasdotto Nordstream ed entro la fine del 2012 dovrebbero partire i lavori per Southstream, i due progetti nati per arrivare nel cuore dell’Europa facendo a meno del transito nelle ex repubbliche sovietiche come Bielorussia e Ucraina.

Proprio con quest’ultima il Turkmenistan tenta di formare un fronte per opporsi allo strapotere russo, che ha mandato praticamente a gambe all’aria il progetto Nabucco. Ashgabat e Kiev hanno lo stesso interesse nell’emanciparsi da Mosca, è pero ancora troppo presto per dire se riusciranno nel loro intento. È comunque un dato di fatto che il Turkmenistan del presidente Gurbanguly Berdimukhammedov, dopo anni di staticità sotto il Turkmenbashi Saparmurat Nyiazov, è diventato un giocatore importante al tavolo del poker del gas e può permettersi di sfidare gli altri players senza paura di bluffare.

Dopo la conferma che i giacimenti di South Yolotan sono i secondi del mondo e davvero il capo di Stato siede su un tesoro che può garantire al Paese un ruolo di prim’ordine nella regione, il Turkmenistan può diventare un concorrente pericoloso per la Russia.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta