Commercio di nicchia

Fonte: Photoxpress

Fonte: Photoxpress

Le aziende russe di prodotti di qualità preferiscono contendersi gli scaffali dei supermarket piuttosto che aprire store in proprio. Ecco perché

I prodotti alimentari più particolari sono popolari, in teoria, in Russia, ma la creazione di un business di successo è più facile a dirsi che a farsi. Irina Eldarkhanova, fondatore della chocolaterie russa Confael, dice che la sua azienda ha trovato il successo, perché vende qualcosa di speciale, qualcosa che non può essere trovato da nessuna parte. 

Secondo Eldarkhanova, Confael conta 30 punti vendita al dettaglio per il 70 per cento del business della società, e i clienti fedeli acquistano i prodotti Confael da quando otto anni fa l'azienda è nata. Confael è solo uno dei negozi di specialità alimentari russi, in numero crescente, che sta costruendo la sua reputazione su una o due categorie di prodotti. 

Irina Eldarkhanova

(Foto: Itar-Tass)

La più stretta segmentazione dei negozi è una delle dieci principali tendenze globali di sviluppo al dettaglio, secondo Dmitry Netkach, managing partner di Watcom Negozio Meccanica, una società che traccia le abitudini di acquisto. Ma ha dubbi circa il successo di questa strategia nel mercato russo. "La cultura dei consumi in Russia non è abbastanza matura - afferma - . La maggior parte degli acquirenti non può acquistare prodotti di qualità presso negozi di nicchia". 

I proprietari di negozi specializzati concordano sul fatto che è difficile per loro competere con i supermercati. "Anche gli amanti dei nostri prodotti lattiero-caseari ammettono che in realtà non vogliono un viaggio per acquistare i nostri prodotti", conferma Andrei Krivenko, proprietario di Izbyonka, che rivende merce fresca per conto degli agricoltori. Krivenko ha iniziato a costruire la sua catena di vendita al dettaglio nel 2009, aprendo scaffali speciali nei supermercati, centri commerciali e chioschi della metropolitana. Oggi, Izbyonka offre circa 50 marchi di prodotti lattiero-caseari, tra cui yogurt, kefir, burro, gelato, formaggi e dolci alla crema. Tuttavia, Izbyonka ha dovuto chiudere 50 dei suoi 180 punti vendita, perché i posti non hanno avuto successo.

Chocolaterie russa Confael

(Foto: Itar-Tass)

In cinque negozi ha avuto un certo riscontro l'offerta di pane sfornato dai monaci del monastero di Tolga in Yaroslavl, oltre ai prodotti lattiero-caseari. Attraverso l'esperienza, Krivenko ha imparato che è meglio lavorare all'interno di supermercati mettendo negli scaffali i suoi prodotti piuttosto che competere con loro attraverso la nascita di botteghe monomarca. "La gente ci conosce ed è abbastanza facile avere in affitto un posto negli scaffali dei negozi", aggiunge Krivenko. 

Ma Umalat, specialità casearie, non ha intenzione di aprire propri punti. Il proprietario Alexei Martynenko pensa che tali punti di vendita difficilmente attirino i clienti, purché la maggioranza dei russi è guidata dal prezzo piuttosto che dalla qualità. Finora, i negozi specializzati devono offrire merce a prezzi non competitivi, il che rende difficile pagare l'affitto di un immobile in leasing ogni mese. Lo spazio in una posizione che attirerà il tipo di clientela incline a spendere soldi per prodotti di alta qualità è anche più costoso che in altre parti della città. "A Mosca, le persone devono restare al lavoro per molto tempo. Di solito, fanno la spesa o nei fine settimana o in negozi di prossimità", sottolinea un fornaio che di recente ha dovuto chiudere il suo negozio.

Pubblicato su Vedomosti.ru

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta