Dalla crisi una nuova attività via Twitter

Evgenia Lazareva con suo figlio Fedor (Fonte: Ufficio stampa)

Evgenia Lazareva con suo figlio Fedor (Fonte: Ufficio stampa)

La recessione economica ha offerto alla neomamma Evgenia Lazareva, ex manager di una banca, l'opportunità per una carriera nella vendita on line di abbigliamento

Evgenia Lazareva era una manager di successo in una grande banca russa. Ma la crisi del 2008 e la nascita di suo figlio le hanno fatto ripensare la sua carriera. Rifiutando le rigide regole della vita aziendale, Lazareva aveva deciso di mettere su famiglia. Questo è la storia del marchio di abbigliamento Mamanonstop.

Lazareva non aveva mai pensato di diventare un'imprenditrice. Laureato all'Istituto di Economia e Finanza presso la Moscow State University of Railway Engineering, aveva ottenuto grandi successi nel settore finanziario. La sua ultima posizione presso una grande banca russa era di direttore di Asset Management, coordinando 200 dipendenti. Lazareva si era concentrata sulla carriera bancaria. Ma poi è arrivato il 2008.

"Invece di sviluppare ulteriormente il business, si lavorava alla gestione della crisi. E tutto questo ha coinciso con la mia gravidanza", racconta. Allo stesso tempo, lei ha rotto con il suo fidanzato e si è trovata sola con il figlio neonato, Fedor.

"Prima vivevo secondo regole rigorose. Ora dovevo fare qualcosa per la mia anima", ha detto Lazareva. Alla fine del 2009, Lazareva mise a Fedor il suo cappotto per andare a fare una passeggiata al parco. Si rese conto che le piaceva il cappotto del bambino, così tanto che ne avrebbe voluto uno per sé, e così andò a parlare con un'amica, la stilista Oksana Kosatkina. Kosatkina fu felice di fare a Lazareva un cappotto come quello del figlio.

L'idea della Lazareva di vestire con uno stile simile a quello del figlio fa parte di un trend ampio nella Russia di oggi, secondo Anton Korobkov-Zemlyansky, membro della Camera di Commercio di Russia. "Oggi le coppie non sono solo una famiglia attraverso gli anelli di nozze, ma perché si assomigliano l'un l'altro nello stile dell'abbigliamento. Non è necessario vestirsi esattamente nello stesso modo. Mia moglie ed io, ad esempio, indossiamo accessori simili, sciarpe, scialli, cappelli", spiega.

"Ai clienti piace l'idea di un abbigliamento di famiglia", afferma il manager del Lattea-style, una boutique online che vende biancheria intima esclusiva per donne incinte. Secondo il responsabile, la boutique ha recentemente acquistato per alcuni gruppi di corrispondenza pigiami per bambini e madri nello stesso stile come test. Il prodotto ha riscosso successo. Alcuni sostengono che i vestiti per corrispondenza per la famiglia non sono per tutti.

Un dipendente di una filiale a Mosca dell'inglese Mothercare precisa: "Per noi, come catena di grande distribuzione, è improbabile vendere vestiti del genere. La nostra clientela non è pronta per questo". Ma i clienti di Mamanonstop non sono d'accordo. "Molti bambini a Mosca indossare indumenti Mothercare. Ma se vuoi indossare per te e il tuo bambino abiti comodi, originali e poco costosi, in tessuti naturali, è meglio scegliere una marca come Mamanonstop", consiglia Marina Totskaya.

Vendite via Twitter
Lazareva ha lanciato la prima collezione di abiti e pigiami Mamanonstop nella primavera del 2010. I costi di materiali, modelli e del lavoro presso lo studio della Kosatkinaya è pari a 20.000 rubli (624 dollari). "Non ho avuto un importo fisso di start-up del capitale. Ho usato i miei risparmi. Ho investito questi soldi nella mia azienda", ha detto Lazareva.

Ha venduto la collezione attraverso i social network, soprattutto agli amici, ed ha guadagnato 40.000 rubli (1.248 dollari). Il secondo lotto di abbigliamento è stato realizzato in base agli ordini dei clienti, sempre attraverso i social network. Il vero e proprio boom arrivò all'inizio del 2011 quando Lazareva e Kosatkinaya hanno lanciato i berretti di maglia per i bambini. "Non mi aspettavo tanto successo", ricorda Lazareva. A metà estate, tutti i mille cappelli cuciti sono stati venduti, 500 dei quali via Twitter. Poi Lazareva ha capito che era il momento di iniziare la produzione di massa.

Nella primavera del 2011, ha affittato un laboratorio da amici per 6.000 rubli al mese (200 dollari), ha speso 100.000 rubli (3.100 dollari) per forniture e macchine da cucire, ha assunto sarte su base temporanea, nonché uno staff amministrativo. Secondo Lazareva, il progetto diventa ben presto autosufficiente. "Questi progetti, senza spese in conto capitale e organizzazione di vendita al dettaglio spesso diventano autosufficienti in un paio di mesi e si comincia a realizzare profitto", conferma Alexander Brechalov, vice presidente di un'organizzazione che sostiene le imprese piccole e le medie imprese.

Nel mese di ottobre 2011 Mamanonstop ha iniziato ad offrire un altro prodotto della sua linea: cuscini ortopedici per le donne incinte pieni di chicchi di piccole dimensioni. "Questo è un nostro prodotto esclusivo. Nessun altro in Russia produce cuscini tali", assicura Lazareva.

Stop-and-go
L'attività della Lazareva non è senza problemi. Prima di tutto, produrre abbigliamento in Russia è costoso. "Sarebbe più conveniente farli cucire in Cina o in Vietnam. Ma io non ho un enorme business da poter effettuare ordini alle fabbriche straniere", ha detto Lazareva. Per fabbricare in Cina è necessario ordinare per 1000 modelli, ma Mamanonstop produce in una vasta dimensione solo sette o otto modelli. Inoltre, per stabilire la produzione in Cina ci sarebbe bisogno di coinvolgere un partner chemonitori sul posto.

Un altro problema è l'accesso ai centri commerciali. Lo scorso inverno Mamanonstop ha partecipato al Mercatino di Natale a Afimall. Affittare un metro quadrato di spazio è costato 90.000 rubli (300 dollari) e non c'erano le vendite. Per questo Lazareva continua a vendere i suoi prodotti attraverso i social network. La società ha anche un negozio online e vende su siti di terzi. Il marchio ha gradualmente iniziato ad apparire nelle regioni. Ha acquirenti a Ulyanovsk, Izhevsk, e Krasnodar.

Lazareva prevede di spostarsi sul franchising, al fine di promuovere ulteriormente i suoi prodotti nelle regioni.

Focus su ciò che conta
Nel febbraio 2012, Mamanonstop ha vinto un premio nel concorso di miglior start up di successo del 2011. Ma quando vide la foto dei suoi prodotti sulla stampa, si è sentita delusa. "C'era una mamma identica alla figlia, come cloni vestite di bianco. Ho pensato: Sto davvero rendendo tutti uguali attraverso il vestito?". Ma poi  si è ricordata che fin dall'inizio non ha voluto tanto promuovere uno stile, ma i valori della famiglia attraverso gli indumenti: "I valori della famiglia sono diventati la filosofia della mia azienda", dichiara.

L'ultima collezione si chiama "Bedtime Stories". Si compone di set pigiama per tutta la famiglia con stampe raffiguranti le fiabe russe e con grandi tasche per contenere un libro. Mamanonstop è coinvolta anche in diversi progetti sociali, come il Festival del teatro Flower Bud. Lazareva ha anche stabilito una partnership con Bumper, il bus-libreria per bambini.

Inoltre, Lazareva sta cercando di creare una comunità di nuovi genitori intorno al suo brand. Un investitore strategico è necessaria al fine di far passare l'azienda al livello successivo. "Prima ero contro un partner, ma ora vedo che è necessario per un ulteriore sviluppo", ha detto Lazareva, aggiungendo: "Ho iniziato questa attività per ragioni dell'anima, e adesso sto cercando di combinare l'approccio anima con quello business. La cosa principale è quello di fare tutto questo in armonia".

Pubblicato su Vedomosti.ru

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta