La comunità dei sogni

Foto: RIA Novosti / Vladimir Vyatkin

Foto: RIA Novosti / Vladimir Vyatkin

Una famiglia numerosa ha deciso di costruire un villaggio ad alta efficienza energetica, un asilo e una scuola, appena fuori Mosca

Nell'inverno 2011, Daniil e Nina Dobrynchenko hanno dato alla luce il loro quarto figlio. Un evento che li ha spinti a seguire un piano di lunga data per avvicinarsi alla natura. Quando hanno iniziato a cercare un nuovo posto dove vivere, i Dobrynchenko hanno scoperto che nessuna delle comunità esistenti avevano tutte le cose che volevano: una posizione nei pressi di Mosca, case ad alta efficienza energetica, senza recinzioni alte, buone scuole e asili e vicini cordiali. Così hanno deciso di creare da soli la loro comunità ideale.


"Noi non vogliamo rompere i legami con Mosca"
"Siamo cresciuti, abbiamo avuto figli e realizzato qualcosa nella sfera professionale. Ora abbiamo deciso, grazie agli sforzi congiunti, di attuare un progetto che sia interessante per tutti", afferma Nina, che è il direttore della Protezione Infanzia e carità. Ha preso l'iniziativa di organizzare le infrastrutture per i bambini della comunità, mentre Daniil ha pensato alla costruzione eco-friendly, mentre la loro conoscenza con Yulia Severinenko, ceo di ZemAktiv, ha permesso di ottenere i documenti per il progetto e l'acquisto del terreno.


Daniil Dobrynchenko ha creato una pagina su Facebook, dove ha illustrato il suo piano per il villaggio, e subito ha ricevuto un gran numero di richieste di amicizia da parte di persone che volevano allontanarsi da Mosca a dedicarsi all'agricoltura e alla comunione con la natura. "Ci sono insediamenti con persone che sono emarginate, ma la nostra idea è diversa: non vogliamo rompere i legami con Mosca, perché vi lavoriamo e la città ci nutre", spiega Daniil.

 
Uno dei problemi principali dei Dobrynchenko è la creazione di infrastrutture per i bambini: un asilo nido e una buona scuola elementare. "Ci sono scuole locali in insediamenti rurali, ma sono notevolmente inferiori a quelle di Mosca. Portare un bambino a scuola nella capitale ogni giorno è difficile, allora la gente si stabilisce in città e la loro casa si trasforma in una dacia per le vacanze", aggiunge Nina. A suo avviso, la comunità inviterà insegnanti provenienti da Mosca e darà loro alloggi in affitto. Inoltre, i Dobrynchenko sono in contatto con i vincitori del concorso Skolkovo per il sistema di educazione prescolare e scolare.

 
Case fatte di paglia, acqua dai pozzi
Il piano di Nina e Daniil per costruire case a basso consumo energetico nel villaggio prevede case fatte di blocchi di paglia compressa. "Uno dei nostri amici sta studiando presso la Stanford University sul tema dell'efficienza energetica nelle abitazioni. Ci sta consigliando", aggiunge Daniil. Queste case di paglia trattengono il calore e richiedono molte meno risorse per essere smantellate rispetto alle abitazioni in cemento o mattoni. "Case di paglia sono in costruzione in Bielorussia, Lituania, America, Cina e altri Paesi. Ma i nostri connazionali non le accettano, perché pensano che si tratti di abitazioni per i poveri", commentano i Dobrynchenko.


Per il riscaldamento, il paese sta valutando la possibilità di utilizzare caldaie a pellet, che utilizzano capsule compresse a base di scarti di legno di produzione. L'acqua sarà fornita da pozzi trivellati. Il riscaldamento dell'acqua verrà da pannelli solari installati sui tetti e, durante la stagione fredda, se necessario, la caldaia a pellet può essere usata per aumentare la temperatura dell'acqua del rubinetto.


"L'elettricità è l'unica cosa difficile da ottenere. Nella regione di Mosca, c'è poco sole per i pannelli solari e non abbastanza vento per generare energia attraverso turbine eoliche", afferma Daniil. Ma a suo parere, c'è una via d'uscita, "conmbinando i diversi metodi per generare elettricità" e aggiungendo una linea principale di gas naturale. "Con l'aiuto di Internet, stiamo studiando le esperienze nella costruzione di eco-villaggi nei Paesi in cui il clima è simile a quella della Russia, per esempio in Inghilterra, Danimarca e Argentina. Abbiamo in programma di ricorrere ad esperti professionisti".


La soluzione per famiglie numerose
Secondo il progetto, il villaggio ad alta efficienza energetica conta 200 case. I Dobrynchenko raccontano che 10 famiglie stanno ora lavorando attivamente con loro per creare l'insediamento e probabilmente vivere in esso. Altre 30 famiglie sono disposte a vendere i loro appartamenti a Mosca per l'acquisto di case nel villaggio o terreni su cui costruire edifici in modo indipendente. Si tratta di famiglie con molti figli.

 
"Ho a lungo voluto allontanarmi da Mosca, ha cercato da solo un terreno, ho parlato con i rappresentanti delle esistenti eco-comunità", racconta Pyotr Sokolan, che di recente ha aderito all'iniziativa di Daniil e Nina di creare un villaggio. "Pochi giorni fa, è nato il mio quarto figlio. Io sono responsabile dei miei figli e la possibilità di vivere come un eremita non va bene per me".

 
Dove esattamente l'insediamento ad alta efficienza energetica sarà non è ancora chiaro, è noto solo che sarà a meno di 30 chilometri da Mosca: attualmente un cantiere sarebbe in corso di selezione. La documentazione del progetto sarà pronta nel 2013, la costruzione  inizierà nello stesso anno.


Igor Bashmakov, direttore esecutivo del Centro per l'efficienza energetica, afferma che in molti Paesi europei ci sono contributi pubblici per la costruzione di villaggi sperimentali a efficienza energetica, ma non ci sono ancora in Russia. Bashmakov notato che gli insediamenti ad alta efficienza energetica sono vantaggiosi per lo Stato perché possono risparmiare, ad esempio, il gas naturale, con le esportazioni che possono salire. 

Pubblicato su "Moskovskye Novosti"

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta