Hockey, l'inchino dei campioni

I campioni di hockey Aleksandr Ovechkin e Evgeni Malkin alzano la coppa del mondo (Foto: Itar Tass)

I campioni di hockey Aleksandr Ovechkin e Evgeni Malkin alzano la coppa del mondo (Foto: Itar Tass)

I giocatori della Nazionale hanno sfilato per le vie del centro di Mosca per festeggiare il titolo iridato conquistato a Helsinki contro la Slovacchia

Centinaia e centinaia le bandiere della Russia sventolate in aria il 29 maggio 2012 nel cuore di Mosca per il passaggio della squadra di Hockey per le vie del centro: i ragazzi di mister Bilyaletdinov hanno sfilato davanti alla città per festeggiare il titolo di campioni del mondo conquistato nel match contro la Slovacchia a Helsinki.

Un tripudio di rosso bianco e blu, i colori della Russia, davanti al bus che ha fatto l’inchino ai tifosi, accorsi in massa per salutare i campioni con la coppa, del peso di dieci chili, in mano.

Sorridente ed emozionato, il talento Aleksandr Ovechkin si è divertito a riprendere, dall’alto del palco riservato ai campioni, la folla di sportivi.

“Grazie mille per il sostegno caloroso che ci avete dimostrato”, ha detto il giocatore Evgeni Malkin al microfono.

“Abbiamo giocato per voi. E abbiamo sentito fino all'ultimo il vostro sostegno - ha aggiunto il capitano Ilya Nikulin -. Siamo contentissimi di essere qui ora a festeggiare insieme. Quando abbiamo visto l’esplosione di gioia di tutta la città, dopo la nostra vittoria, questo traguardo ha iniziato ad assumere un valore ancora più importante".

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta