Spalletti, miglior mister di Russia

All'italiano alla panchina dello Zenit San Pietroburgo è andato il riconoscimento di allenatore dell'anno dalla Russian Football Union (Rfu)

Brilla sempre più la stella di Luciano Spalletti nel firmamento del calcio russo. All'allenatore toscano dello Zenit San Pietroburgo è andato il premio di "Miglior Allenatore del campionato russo" per l'anno 2012. Il titolo arriva dalla Russian Football Union (Rfu). Anche per la stagione 2011 al mister di Certaldo era andato lo stesso riconoscimento.

Bis di campionati consecutivi e doppio premio dalla Rfu, dunque, nel palmares russo di Spalletti, attualmente in vacanza in Italia, dopo le fatiche di una seconda stagione vittoriosa sulla panchina dello Zenit. Assente alla cerimonia di premiazione al Teatro Statale Malij di Mosca il 26 maggio 2012, a ritirare il premio per lui il suo assistente, Igor Simutenkov, che al quotidiano Sport-Express ha dichiarato: "Spalletti mi ha chiesto di comunicare che è lusingato di ricevere questo riconoscimento".

La Russia, dunque, si rivela un El Dorado per l'ex mister di Roma ed Udinese. Nella terra degli zar ha inanellato con lo Zenit una serie di successi sfolgoranti. Arrivato a San Pietroburgo nel dicembre 2009, con un contratto per tre stagioni da 4 milioni di euro netti all'anno, dopo pochi mesi alla guida della squadra, il 16 maggio 2010 solleva la Coppa di Russia, mentre il 14 novembre vince il campionato della Federazione 2010 con due giornate di anticipo.

Il 6 marzo 2011, poi, realizza il "Grande Slam" russo, vincendo anche la Supercoppa di Russia, mentre è di aprile 2012 il secondo titolo consecutivo della Russian Premier League, quarto nella storia del team con quattro giornate di anticipo. Buona la prova anche sui campi europei nella Champions League: Zenit fermato a un passo dai quarti dal Benfica.  

Realizzato quanto Spalletti dichiarava a Russia Oggi alla fine della stagione 2011: "Resto allo Zenit e voglio vincere ancora". Con in più un fiocco rosa: ad ottobre 2011 è arrivata Matilde, terzogenita del mister. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta