Governo, al via il toto-ministri

Foto: Reuters

Foto: Reuters

Si rincorrono i nomi di chi comporrà l'esecutivo. Secondo quanto trapelato da fonti vicine al Cremlino si tratta di volti giovani e nuovi

Il 15 maggio 2012 il primo ministro Dmitri Medvedev ha presentato al Presidente Vladimir Putin la lista della nuova squadra di governo. Una fonte vicina al Cremlino sostiene che i primi appuntamenti del nuovo governo potrebbero prendere piede già il 19 e il 20 maggio 2012.

“La formazione non sarà pubblica, eviteremo in questo modo di creare un interesse eccessivo”, avrebbe dichiarato Medvedev presentando la lista a Putin, secondo quanto riportato da kremlin.ru.

Secondo una fonte del Cremlino, Medvedev avrebbe formato un governo di volti giovani e nuovi. Dal canto suo il Presidente avrebbe dato carta bianca al primo ministro, promettendo di non fare pressioni a favore dei propri candidati: questo perlomeno quanto riportato da una fonte vicina all’amministrazione presidenziale.

Secondo indiscrezioni, sarebbero tre gli uomini di Putin che lui stesso avrebbe voluto in queste posizioni: Anton Siluanov ministro delle Finanze, Andrei Belousov ministro dello Sviluppo Economico e Igor Artemyev all’Antitrust. Due funzionari del governo avrebbero precisato che Putin e Medvedev si trovano d’accordo su queste candidature.

I tre nomi voluti da Putin andrebbero a controbilanciare il team voluto da Medvedev, composto da Arkady Dvorkvich, Mikhail Abyzov e Aleksander Voloshin. Alcuni non escludono che Dvorkvich e Abyzov possano comunque essere nominati vice ministri.

L’attuale ministro dello Sviluppo Economico Elvira Nabiullina lascerà ovviamente la carica, e c'è chi sostiene che avrebbe rifiutato l’incarico da vice primo ministro responsabile dei Programmi Sociali.

A quanto pare invece Igor Shuvalov, vicino sia a Putin sia a Medvedev, resterà in carica.

“La nuova squadra deve essere in grado di perseguire il bene commune, rincorrendo uno stesso obiettivo”, ha dichiarato Alexei Kudri, ex ministo delle Finanze.

Leggi il testo originale cliccando qui

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta