Nell'esilio di Pushkin

Foto: Daniela Ciabattini

Foto: Daniela Ciabattini

Viaggio a Chisinau nella casa-museo dove lo scrittore russo soggiornò per tre anni e iniziò a scrivere il celebre romanzo "Evgenij Onegin"

Foto: Daniela Ciabattini

Tutti conoscono il grande poeta e scrittore russo Aleksandr Sergeevich Pushkin, autore di indiscussi capolavori della letteratura dell’Ottocento ma, forse, non tutti sanno che il celebre artista fu mandato in esilio in Bessarabia, la regione storica compresa tra i fiumi Prut e Dnestr, attualmente compresa tra la Repubblica di Moldova e l’Ucraina . L’esilio di Pushkin fu voluto da autorità zariste e ratificato dal sovrano Alessandro I a causa di presunte liaison dello scrittore con certe dame dell’alta aristocrazia pietroburghese.

Pushkin visse in Bessarabia, e precisamente a Chisinau, l’attuale capitale della Repubblica di Moldova, per tre anni, dal 1820 ed il 1823 e, proprio a Chisinau, si trova la Casa-Museo “Aleksandr Pushkin”. Il complesso museale è costituito da due edifici: la casetta nella quale visse Pushkin, composta da due stanzette e un disimpegno arredati con oggetti dell’epoca, e un edificio adibito a vero e proprio museo: tre sale che ripercorrono la permanenza di Pushkin in Bessarabia, con libri, oggetti, ritratti e corrispondenza privata dello scrittore, e una sala con alcuni manoscritti del poeta e i primi capitoli dell’Evgenij Onegin, il celeberrimo poema in versi cominciato proprio durante l’esilio moldavo.

Oltre ad iniziare l’Evgenij Onegin, a Chisinau Pushkin scrisse oltre 150 poesie e altri importanti poemi, tra i quali Gli zingari, ispirato, pare, dalla giovane gitana Zemfira, conosciuta durante i suoi frequenti viaggi nel villaggio di Dolna a circa 50 chilometri dalla capitale moldava. Pushkin, infatti, era molto affascinato dai paesaggi rurali della Bessarabia e amava scoprire i dintorni di Chișinău, oltre a stringere rapporti di amicizia con l’aristocrazia e l’elite letteraria moldava del tempo.

La casa-museo “Aleksandr Pushkin” fu inaugurata il 10 febbraio 1948 in occasione del 111esimo anno dalla morte del poeta con un’esposizione realizzata con materiale letterario e fotografico; nel 1985 furono iniziati i lavori di restauro che andarono avanti fino al 1987, anno in cui il museo fu riaperto al pubblico. Infine, nel 1999 fu inaugurata la mostra “A.S. Pushkin in Moldova” che arricchì il complesso di nuovi documenti e oggetti d’epoca.

La casa-museo “Aleksandr Pushkin” si trova a Chisinau  in Strada Anton Pann n. 19 ed è aperta al pubblico dal martedì alla domenica dalle ore 10 alle ore 16. Tel.00373 (22) 292685

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta