Putin è tornato al Cremlino

La cerimonia di nomina del Presidente della Federazione Vladimir Putin nel 2004 (Foto: Itar-Tass)

La cerimonia di nomina del Presidente della Federazione Vladimir Putin nel 2004 (Foto: Itar-Tass)

Dopo la cerimonia d'insediamento del Presidente della Federazione, la Duma di Stato vota la nomina di Medvedev a primo ministro

Cambio della guardia al Cremlino. Il 7 maggio 2012 si è svolta la cerimonia che ha nominato Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin, per la terza volta. Presente a Mosca per l'occasione anche l'ex presidente del Consiglio italiano Silvio Berlusconi, amico personale di Putin.

Anche l'ex cancelliere tedesco Gerhard Schroeder era tra i 3mila invitati alla fastosa cerimonia, ma, come Berlusconi, ha presenziato all'evento in forma privata.

Dopo la benedizione del patriarca Kirill nella Cattedrale dell'Annunciazione e dopo aver ricevuto in consegna la ''valigetta nucleare'', Putin ha giurato per la terza volta sulla costituzione nella sala di Sant'Andrea, ex Sala del Trono, all'interno del Cremlino di Mosca. 

Breve la formula del giuramento prima del discorso di insediamento: “Giuro di rispettare e sostenere i diritti e le libertà degli individui e dei cittadini, di osservare e proteggere la costituzione della Federazione Russa, di difendere la sovranità, l’indipendenza, la sicurezza, l’integrità dello Stato e di servire il popolo in buona fede”.

La cerimonia è costata circa 26 milioni di rubli (867.000 dollari), è stata suggellata dai 30 colpi di cannone a salve ed è stata trasmessa in diretta da sei canali televisivi.

Il Presidente Vladimir Putin, dopo il giuramento, ha presentato la candidatura del suo predecessore Dmitri Medvedev come premier, come ha reso noto lo speaker del parlamento Sergei Narishkin. 
La Duma, il ramo basso del parlamento russo, è stata così convocata in seduta straordinaria l'8 maggio 2012 per votare il nuovo capo del governo.

Intanto, ancora arresti tra i circa 500 contestatori anti-Putin che nella notte della nomina avevano dato vita a un sit-in di protesta nei giardini di Kitai Gorod, a pochi chilometri dalla Piazza Rossa, a Mosca. Tra i fermi anche gli esponenti di spicco dell'opposizione russa, il blogger Alexei Navalny e il leader del Fronte di Sinistra, Sergei Udaltsov, accorsi poco dopo la mezzanotte al raduno, convocato in modo spontaneo via Facebook.

+++ ULTIM'ORA/7.05.2012: La Duma di Stato ha approvato la nomina dell'ex Presidente Dmitri Medvedv a primo ministro. A fine maggio 2012 Medvedev assumerà anche la leadership del partito di governo Russia Unita.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta