L'armata russa e la cyberguerra

Foto: PhotoXpress

Foto: PhotoXpress

Il Ministero della Difesa della Federazione ha pubblicato sul proprio sito Internet un documento sull'approccio a eventuali conflitti informatici

Il Ministero della Difesa russo ha pubblicato sul suo sito Web un documento senza precedenti dal titolo "L'approccio concettuale dell'attività delle forze armate della Federazione Russa nel cyberspazio". In contemporanea il vice primo ministro russo Dmitri Rogozin ha annunciato la possibile creazione di un "Cyber ​​Command", il cui scopo sarebbe quello di proteggere le informazioni dell'esercito. Pare, dunque, che le autorità militari russe siano preoccupate per la sfida della modernità.
 
 
Anche prima del tempo della Rivoluzione d'Ottobre, le questioni relative alla raccolta e all'elaborazione rapida delle informazioni, come ad esempio quelle relative all'impatto e alla contro-risposta nel campo dell'informazione, hanno sempre avuto un ruolo importante nel dispositivo russo militare. I mezzi tecnici di trasmissione e di analisi sono cambiati, ma le basi sono rimaste le stesse: una costante ricerca di dati sulll'avversario, reazione e resistenza alle sue risposte, l'elaborazione di un vasto sistema multistrato di disinformazione. In epoca sovietica, la priorità era l'impatto info-psicologico impatto sul contingente dell'Urss e sui corpi militari nemici.
 

In un contesto in cui Internet rende il mondo un unico blocco e dove le possibilità di accesso ai dati, nonché la gestione dei flussi informativi, si sono improvvisamente allargate, l'importanza del lavoro di informazione è diventata maggiore. Lo spazio dei dati globali è davvero diventato un teatro di operazioni militari in cui successi e insuccessi possono influenzare significativamente gli eventi del mondo reale.
 

Il crollo dell'Urss e le sue conseguenze, insieme con lo sviluppo spettacolare delle tecnologie dell'informazione, non hanno contribuito allo sviluppo dell'esercito che è stato poi lasciato emarginato dai suoi potenziali avversari in molti importanti settori come le guerre informatiche.
 

Nel frattempo, i potenziali "avversari" non riuscivano a dormire. Strutture speciali sono state create all'interno delle forze militari dei Paesi sviluppati. Essi sono stati progettati per essere in grado di compiere attacchi nel cyberspazio e gli obiettivi generali sono stati assegnati dalla ricerca attiva di informazioni critiche sul nemico fino alla guerra di propaganda, all'intercettazione di dati e alla distruzione fisica delle apparecchiature, anche grazie ai virus.
 

Gli obiettivi della Difesa
L'approccio concettuale pubblicato dal Dipartimento della Difesa è il primo documento quadro di questo tipo emesso dai militari russi. Potrebbe diventare la base di una strategia di "guerra nel cyberspazio". Per ora, il testo non menziona gli attacchi che si possono compiere, ma piuttosto i mezzi per resistere alle azioni del nemico, per prevenire e risolvere i conflitti. Al tempo stesso, questo approccio ha un numero di punti promettenti.
 

In primo luogo, si riconoscono che i conflitti informatici, usando l'arma del computer, sono conflitti militari. De facto azioni militari nel cyberspazio sono equivalenti a una guerra ordinaria e la Russia conserva il suo diritto di rispondere all'aggressione con tutti i mezzi tecnici. Questo punto è molto importante. Una sconfitta informatica può effettivamente costare una campagna militare che non riesce e causare gravi problemi di sicurezza per l'intero Paese nell'economia reale. Riconoscere una guerra cybernetica come una forma di azione militare permette di considerare gli iniziatori, i coordinatori e i partecipanti a queste azioni come combattenti, con tutte le conseguenze.
 
 

Il testo prevede anche l'interazione con gli alleati della Russia che sono diventati bersagli di attacchi di questi attacchi. Questo è un approccio naturale, perché lasciare indifesi alleati in questa guerra è quello di rischiare di perdere più velocemente rispetto alle condizioni di una guerra tradizionale.

Il nuovo documento del Dipartimento della Difesa probabilmente crescerà fino a diventare un regolamento vero che definisca l'azione delle forze militari russe nel corso di una guerra informatica. Dal punto di vista della difesa dello Stato, la necessità di tale regola è evidente. Così come la necessità di creare un comando speciale per svolgere le azioni nel settore informatico. La domanda è quanto velocemente questa prova sarà attuata nella dottrina e nella pratica della difesa russa.

L'autore è un esperto di strategie militari per La Voce della Russia

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta