Una nuova generazione di agricoltori

Foto: Nikolai Korolev

Foto: Nikolai Korolev

Cresce il numero di chi lascia la città per dedicarsi ai campi e all'allevamento, mentre a Mosca i consumatori scoprono l'acquisto a chilometro zero
Anche se gli alimenti biologici e i prodotti freschi della fattoria non sono così in voga in Russia come in Europa e negli Stati Uniti, l'interesse per loro ha già dato luogo ad alcuni progetti importanti. Nella Federazione, verdure e carni prodotte da singoli agricoltori sono venduti a prezzi due o tre volte maggiori rispetto a quelli provenienti da imprese agroalimentari e non è facile trovare acquirenti.
 
 
"I compratori di prodotti agricoli provengono di solito da una certa classe media che ha reddito disponibile, che segue uno stile di vita sano e va alla ricerca di pasti più gustosi e rispettosi dell'ambiente", dichiara Boris Akimov, uno dei fondatori della cooperativa degli agricoltori LavkaLavka. Nata nel 2009, LavkaLavka gestisce un servizio di consegna a domicilio per i prodotti di oltre 100 agricoltori, così come un suo negozio di vendita al dettaglio e una caffetteria.
 
  
"Il fatturato totale del progetto è di circa 10 milioni di rubli (350.000 dollari) al mese, con le vendite al dettaglio che generano fino al 95 per cento delle entrate e il 5 per cento proveniente dalla vendita di prodotti alimentari a ristoranti e negozi eco-friendly ", afferma Akimov. Nel 2011, LavkaLavka ha aperto un ufficio a San Pietroburgo ed ha anche in programma di guardare ai mercati di Kaliningrad, Ufa, Yekaterinburg e Chelyabinsk, lavorando con i fornitori locali.
 
 
"I nostri fornitori sono i nuovi agricoltori; imprenditori privati proprio come i vecchi contadini che sarebbero stati chiamati una volta kulakiMolti di loro si sono trasferiti al paese dalle città. Per alcuni di loro, l'agricoltura è una passione piuttosto che un business. Mentre la maggior parte di loro riesce a far soldi con l'allevamento, alcuni sono ancora in rosso".
 
 
I prodotti di LavkaLavka sono più costosi rispetto ai negozi normali. Il latte, per esempio, costa almeno 120 rubli (4 dollari) per litro. "Olio di girasoli di alta qualità non può essere a buon mercato", aggiunge un agricoltore che gestisce la fattoria Peresvet Solnechny nella regione di Krasnodar. Una bottiglia del suo olio di girasole è in vendita presso LavkaLavka per 600 rubli (20 dollari).
 
 
Il venditore segna il prezzo fissato dal produttore per coprire i costi di trasporto, stoccaggio, affitto, salari e le spese operative e di sviluppo. Come risultato, l'agricoltore riceve non più del 50-70 per cento del prezzo di vendita, mentre il rimanente va al negozio.
 
 
Tuttavia, i prodotti degli agricoltori non sono necessariamente costosi. Per esempio, a Mosca la catena di supermercati Abk vende verdure di stagione provenienti da aziende agricole della regione di Vladimir, ormai da qualche anno. "Le verdure sono in realtà meno care rispetto ai generi alimentari importati -, spiega Vladislav Egorov, co-proprietario e presidente del Consiglio di Amministrazione di Abk. - Considerate i cavolfiori. Il prezzo di acquisto di importazione è di circa 45 rubli al chilo, ma nella stagione gli agricoltori sono pronti a venderlo a 15 rubli". La freschezza dei prodotti degli agricoltori di Vladimir è il secondo importante vantaggio. "Con alimenti come cetrioli, il lasso di tempo tra la raccolta e la vendita è assolutamente critico. Quello che abbiamo qui è un cetriolo raccolto il giorno prima ed è già sullo scaffale. I clienti apprezzano molto questo", aggiunge Egorov. Anche se la catena compra solo alcuni prodotti vegetali da singoli agricoltori - come cavoli, patate e zucche -, essi rappresentano una parte considerevole delle vendite.
 
 
Questa collaborazione ha spinto nel 2011 Abk ad acquistare un appezzamento di terreno vicino a Vladimir, dove ora è stato costruito un magazzino per conservare e consentire la lavorazione primaria delle verdure acquistate dagli agricoltori. "Il terreno è abbastanza grande, quindi penso anche che, oltre al magazzino, lì potrebbero crescere le nostre coltivazioni. Ma il nostro obiettivo resta quello di ampliare la cooperazione con gli agricoltori locali, soprattutto perché negli ultimi anni hanno iniziato a coltivare verdure specificamente per soddisfare la nostra richiesta. Decidiamo i nostri ordini con loro prima che inizi la stagione della semina", conclude Egorov.
 
 
Abk è una modesta catena di 38 negozi, mentre i rivenditori a livello nazionale in generale trovano maggiori difficoltà ad avere a che fare con piccole aziende agricole. Catene di centinaia o addirittura migliaia di negozi hanno bisogno di prodotti in lotti di grandi dimensioni, su un programma garantito, in un importo garantito e con qualità garantita. "Agricoltori privati ​​raramente possono soddisfare queste esigenze -, sottolinea Ilya Belonovsky, direttore esecutivo dell'Associazione delle società retail. - Allo stesso tempo, i prodotti degli agricoltori sono in forte domanda tra i clienti, in particolare prodotti lattiero-caseari. Ogni volta che un negozio vende il latte fornito dagli agricoltori, il volume delle vendite è pari a quello del latte confezionato. Mentre i negozi guadagnano tanto su tali prodotti, gli agricoltori sicuramente traggono maggior beneficio dal commercio al dettaglio dato che i prezzi al dettaglio possono essere due volte superiore ai prezzi pagati da imprese di trasformazione".
 
 
Pubblicato la prima volta su Vedomosti.ru 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta