Il lato buono dell'effetto serra?

Foto: Niyaz Karim

Foto: Niyaz Karim

Alcuni scienziati ritengono che la Russia dovrebbe accogliere con favore il riscaldamento globale in quanto porterebbe più terra coltivabile al Paese. Ma saranno gli investimenti nella ricerca a salvare il settore agricolo

Ci sono state innumerevoli discussioni scientifiche sui processi climatici che cambiano. Per me, in realtà non importa se si chiama "riscaldamento globale" o "cambiamento climatico". In entrambi i casi, si tratta di un grosso problema per il settore agricolo. Inoltre, non è nemmeno una questione di temperature in aumento. Per inciso, se si sapeva per certo che ogni estate ci sarebbero stati uno o due gradi in più, sarebbe possibile adattarsi. Vorrei, invece, richiamare l'attenzione sulla situazione che stiamo vivendo, ovvero "l'imprevedibilità del clima globale." Ogni stagione ci ha portato nuove sorprese ed è proprio questo il più grande dei problemi dell'agricoltura.

L'agricoltura è un settore con un lungo ciclo di produzione, con almeno sei mesi tra l'inizio della produzione e del prodotto finito. Allo stesso tempo, è più dipendente dalle condizioni meteo-climatiche. Prendiamo l'industria agricola più sviluppata della Russia, la produzione di cereali, come un esempio. Per raccogliere un buon raccolto, dobbiamo sapere almeno approssimativamente quali temperature dovremo affrontare per l'anno prossimo. Questo è ciò che sta alla base delle decisioni su come lavorare i campi, quando e quali semi seminare, quali fertilizzanti usare, e molte altre cose.

Anche se abbiamo un'estate particolarmente calda e un inverno davvero gelido, è ancora possibile avere una produzione redditizia. Vi è, tuttavia, una condizione: dobbiamo avere una previsione attendibile del tempo con almeno sei mesi di anticipo. Ma oggi i nostri meteorologi non hanno nemmeno il coraggio di indovinare in primavera come sarà l'estate.

Nel corso degli ultimi anni, solo poche persone sono effettivamente riuscite a prevedere come si sarebbe comportata la natura con mesi di anticipo. Il risultato è deludente per l'agricoltura: la produzione di cereali è diminuita 25-30 per cento in un anno, in un contesto di crescenti costi di produzione. Infatti, alcuni tipi di grano sono insensibili alle variazioni di temperatura, ma allo stesso tempo, rigorosamente in conformità con le leggi naturali, sono i meno produttivi e i più esigenti in termini di trattamento del suolo e dei fertilizzanti. 

Ci sono solo tre fattori sui quali gli agricoltori e gli esperti di agricoltura possono riporre le loro speranze. In primo luogo, il sostegno del governo. Il governo fornisce un aiuto finanziario alle imprese agricole in caso di calamità naturali al fine di impedire loro di andare in bancarotta e per consentire sementi per la prossima stagione. Per esempio, il bilancio federale 2012 ha stanziato circa 130 miliardi di rubli (4,5 miliardi di dollari) per sostenere il settore agricolo. Il meccanismo di assegnazione, tuttavia, lascia molto a desiderare. Non esistono regolamenti e il processo decisionale è lasciato ai funzionari locali, che applicano criteri non specificati. Ad ogni modo, questa è solo una misura una tantum, dal momento che il governo non può sovvenzionare l'agroalimentare per sempre. 

La seconda opzione sembra preferibile e stimolante allo stesso tempo. Si tratta di una soluzione tecnologica al problema. Niente è impossibile per la scienza. Ma anche questa è una questione di soldi; e se l'azienda è interessata a investire nella ricerca. Infine, la terza soluzione possibile è la meno probabile, ma la più attraente. Secondo una certa teoria, i cambiamenti climatici sulla Terra sono legati ai cicli solari. Questa teoria sostiene che, nei prossimi anni, le fluttuazioni a poco a poco si spengneranno e il clima tornerà ad essere prevedibile. Questo è sicuramente il risultato migliore per i produttori agricoli, dal momento che non richiede loro di intraprendere azioni ma semplicemente di sedersi e aspettare che le cose si stabiliscano.

Non credo, tuttavia, che dobbiamo basare la nostra strategia di sviluppo su questo, lasciando le nostre aziende alla mercé di una teoria discutibile e ai capricci della natura.  

Aleksandr Chetverikov è un membro della Duma di Stato Duma vice e del Comitato per la politica economica, lo sviluppo innovativo e l'imprenditoria, fondatore del Gruppo Agroholding

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta