Il futuro delle energie

Il 16 aprile 2012 a Roma si svolgerà una conferenza dedicata ai delicati equilibri tra Russia e Unione Europea in materia di idrocarburi

Cosa succederebbe se la Russia decidesse di vendere tutto il suo gas non più all’Europa, ma ad altri Paesi? Un’ipotesi, assicurano gli esperti, molto lontana dall’essere semplice fanta-politica, ma che nasconde retroscena di estrema attualità per l’Italia.

A tal proposito lunedì 16 aprile 2012 alle ore 18.30 nella sede dello Shenker Culture Club di Roma, in piazza di Spagna 66, si terrà la conferenza “Frontiere di energia. Energie di frontiera. La Russia e la globalizzazione della domanda di energia”: un faccia a faccia con i possibili cambiamenti che, secondo alcuni, potrebbero modificare gli equilibri tra diversi Paesi.

Durante l’incontro si affronteranno i rapporti tra Federazione e Unione Europea in manteria di idrocarburi, per capire quali saranno le nuove frontiere per i prossimi anni e quali scenari si apriranno.

Alla conferenza interverranno Angelantonio Rosato, analista geopolitico di Eurasia e consigliere redazionale di Limes; Gianluca Bocchi, filosofo, docente, coordinatore organizzativo e responsabile delle relazioni internazionali del Cerco (Centro di Ricerca sulla Complessità), il centro d’eccellenza promosso dall’Università di Bergamo sui temi dell’epistemologia, dell’antropologia, e delle scienze della complessità.

Il meeting sarà introdotto da Barbara Santoro, presidente Shenker, Roberto Panzarani, docente di Innovation Management presso l’Università Lumsa di Roma, nonché presidente dello Studio Panzarani & Associates.

Per parteciare all'incontro, è necessario inviare una mail all'indirizzo di posta elettronica ombretta.orlandini@shenker.com.

Per maggiori informazioni:

Shenker Culture Club

Piazza di Spagna, 66 - Roma

www.shenker.com

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta