L'auto del futuro è ibrida

Foto: Miosw

Foto: Miosw

Presentata in Russia la nuova vettura con motore a gas naturale e supercondensatori per marcia elettrica. Quasi centomila gli ordini già ricevuti nella Federazione

I russi presentano la loro prima auto ibrida. Progettata con il sostegno dell’oligarca Mikhail Prokhorov, che ha speso 150 milioni di euro per sostenere l’azienda, l’utilitaria compatta Yo-Mobil lancia ora la sfida alla cugina ibrida Toyota Prius, forte degli oltre centomila ordini già ricevuti per la prossima estate nella Federazione.

L’azienda produttrice consegnerà la vettura nel corso del 2012 ad un prezzo che va dai 10mila ai 12mila euro.

“Si tratta di una vera svolta nella produzione automobilistica classica – ha dichiarato il direttore generale della Yo-Auto Andrei Biryukov -.  La tecnologia più importante, oltre alla propulsione ibrida, è il corpo vettura realizzato in polipropilene”.

Al posto di una batteria per immagazzinare l’energia, il sistema di propulsione ibrido impiega supercondensatori, grazie ai quali l’auto percorre in modalità elettrica circa due chilometri. Secondo quando riportato da Biryukov, i supercondensatori sarebbero capaci di sostenere 1 milione di cicli di carica-scarica, contro i 10mila cicli delle celle agli ioni di litio, e funzionano da -50 a +60 gradi Celsius: l’ideale per le avverse condizioni meteorologiche russe. La propulsione è garantita da un motore a combustione interna da 60 Cv in grado di funzionare sia a benzina che a metano o a gas naturale.

Progettata a cinque posti e quattro ruote motrici, l’auto pesa 650 chili per un’altezza di 210 mm e può trasportare un peso massimo di 500 chili. La velocità massima raggiungibile è pari a 130 chilometri orari con un’accelerazione da zero a 100 in dieci secondi in modalità Sport, in dodici secondi in modalità Eco e in 14 secondi in modalità Greasy.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta