"Maschera d'oro" al teatro di domani

Fino al 16 aprile 2012 si tiene a Mosca un'importante rassegna che porta in scena spettacoli d'avanguardia, lirica e opere Made in Russia

Se la vita politica può sembrare noiosa o deludente, è forse perché i russi hanno investito tutte le loro energie e le loro speranze altrove. Nel teatro, per esempio. La "Maschera d'oro", la festa principale dello spettacolo, sembra confermare questa ipotesi.

Questo festival ha ogni anno una dimensione sempre più internazionale. L'edizione del 2012 si è aperta a il 27 marzo e si chiuderà il 16 aprile con una cerimonia di premiazione sul grande palco del Teatro Bolshoj. Cinquantuno spettacoli da 13 città russe sono in competizione per i premi in diversi concorsi paralleli.

Quest'anno, tra i circa 183 partecipanti al festival, 16 stranieri sono stati selezionati, compresi i produttori Claudia Solti (Uk) e Daniele Finzi Pasca (Svizzera). Per questa diciottesima edizione della "Maschera d'Oro", 11 le opere in gara, tra cui un contemporaneo "Le anime morte" di Rodion Chedrine dall celebre romanzo di Gogol.

La rinascita della lirica proviene dalla provincia di Kazan, Ekaterinburg, Astrakhan. Le candidature per la classe di balletto sono monopolizzate dalle due capitali russe, Mosca e San Pietroburgo. Solo i balletti di Perm e Novosibirsk hanno attirato l'interesse della giuria.

Molto sensibile alla creazione vera e propria, il festival ha creato una selezione separata per la danza contemporanea. Ma è la competizione per il testro il fulcro della "Maschera d'Oro", in primo luogo perché il fondatore del festival, Eduard Bojakov, egli stesso un regista, vi spende tutta la sua energia. Figura centrale nella scena teatrale per due decenni, Bojakov è un sostenitore dell'innovazione e un critico spietato contro i polverosi teatri di Stato, che continuano a monopolizzare le sovvenzioni federali.

Nella selezione 2012 sono state incluse 17 produzioni teatrali, quasi tutte d'avanguardia, e tre spettacoli di burattini. Il sipario è su, si va in scena.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta