Putin III: il dibattito, parte seconda

Foto: Itar-Tass

Foto: Itar-Tass

Un'altra riflessione, ma questa volta da un punto di vista economico, sul Presidente eletto che assumerà l'incarico al Cremlino a maggio 2012. Gli esperti continuano ad interrogarsi sulla figura dell'ex Kgb

Quando Vladimir Putin fu eletto Presidente per la prima volta nel 2000, i giornalisti passarono i sei mesi successivi a cercare di capire chi fosse. In poco tempo emersero, non uno, bensì due Putin. Il primo, meglio conosciuto in Occidente, è il Putin politico, che ha eliminato l’elezione diretta dei governatori regionali e ha cacciato gli oligarchi dal Cremlino. L’immagine di Putin, quale uomo forte, ha raggiunto il suo zenit, nel 2003, con l’arresto di Mikhail Khodorkovsky, ex proprietario della società petrolifera Yukos. Con l’inizio del suo secondo mandato, nel 2004, Putin ha assunto il pieno controllo della Russia e ha condotto il Paese verso la stabilità politica di cui gode ancora oggi. Sebbene il Putin politico sia stato demonizzato dalla stampa occidentale, i cittadini russi hanno accolto favorevolmente i cambiamenti che egli ha portato dopo il caos dell’era di Boris Eltsin.


Il secondo Putin, invece, è conosciuto soprattutto dai cittadini russi, ed è la ragione per cui così tanta gente continua a votare per lui alle elezioni nazionali. Si tratta del Putin “economico”.


Ancor prima che gli arresti degli oligarchi e l’eliminazione delle elezioni regionali avessero luogo, Putin ha ridotto le imposte sui redditi delle persone fisiche a un tasso fisso del 13 per cento e quelle sui redditi delle società a un 24 per cento. Ha poi introdotto un sistema di tesoreria con cui ha di nuovo centralizzato il controllo delle finanze dello Stato, ponendo così fine ai furti perpetrati dalle amministrazioni regionali. In seguito, ha promosso il piano di riforme liberali Gref. Queste riforme, insieme al rapido aumento dei prezzi del petrolio, hanno portato a una crescita economica sostenuta che ha trasformato l’economia russa.


E non c’è da stupirsi se il Putin economico sia così genuinamente popolare tra i russi. Quando è stato eletto Presidente per la prima volta, il reddito medio era di soli 50 dollari al mese; oggi è di 800 dollari, un aumento 16 volte superiore.

 
Nel corso della campagna elettorale per le presidenziali del 2012, si è capito che il Paese ha bisogno di un nuovo modello di crescita; quello vecchio, basato su prezzi del petrolio elevati e spese ingenti, non funzionerà ancora per molto. Allo stesso tempo, Putin, da parte sua, è ritornato a ricoprire la figura politica di uomo forte.  


Ora, mentre Putin si appresta nuovamente a occupare il suo vecchio incarico di Presidente, gli esperti si trovano ancora una volta dinanzi al dilemma che si erano posti nei primi mesi del 2000: “Chi è Putin?”. Sarà il leader che garantirà la stabilità e la crescita economica della Russia o sarà qualcuno che l’Occidente dovrà temere sulla scena internazionale?


La risposta ovvia è che nulla è cambiato e che Putin continuerà a essere la persona che è stata in questi ultimi dodici anni: una personalità pungente sul fronte politico, ma progressista sul piano economico.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta