Le chiavi per il mercato

Foto: Getty Images/Fotobank

Foto: Getty Images/Fotobank

Dall'esperienza sul campo del manager Pirelli Andrea Pirondini, responsabile Regione Russia per l'azienda italiana: "Partnership e hi-tech per sfondare nella Federazione"

Una forte domanda locale, un’economia in espansione e un ruolo trainante sul mercato dei pneumatici invernali. La Russia sta diventando sempre più un mercato chiave e Pirelli, in linea con la sua dimensione multinazionale - oggi può contare su 20 siti produttivi in 13 Paesi del mondo -, non poteva mancare questo appuntamento.

Per questo motivo abbiamo siglato una partnership con un grande gruppo locale come Russian Technologies, con il quale abbiamo acquisito due impianti produttivi di pneumatici un tempo parte di Sibur, un altro importante gruppo del Paese. Un’acquisizione strategica indispensabile per avere in tempi brevi una forte presenza nella Federazione, in linea con la nostra strategia di soddisfare la domanda in una logica “local for local”: così siamo al lavoro per trasferire negli stabilimenti di Kirov e di Voronezh tecnologie e processi produttivi e per apportare know-how in materia di logistica, di controllo della qualità e di organizzazione delle attività che consentano di allineare la produzione agli elevati standard della prossima generazione di prodotto.

Standard che sono focalizzati sul Premium, un segmento in cui Pirelli punta a conquistare la leadership mondiale da qui al 2015, con la Russia che giocherà un ruolo importante, grazie alla domanda di pneumatici winter e Suv che rappresentano prodotti Premium per eccellenza.

Nel Paese stiamo creando una grande presenza produttiva: la società ha infatti investito 222 milioni di euro per il passaggio degli asset alla joint venture e ha pianificato altri 200 milioni di investimenti fra il 2012 e il 2014 per le azioni di miglioramento dei siti produttivi. Un impegno che oggi vede al lavoro localmente circa 4mila addetti e che consentirà a Pirelli di raggiungere ricavi superiori ai 300 milioni di euro nel 2012 e superiori ai 500 milioni nel 2014, con una produzione complessiva che passerà dagli 8,5 milioni di pezzi attuali ai 10,5 milioni previsti nel 2014. Un impegno importante nel nostro percorso di crescita. La nostra partecipazione alla crescita dell’industria automotive in Russia.

Andrea Pirondini è responsabile Regione Russia Pirelli

L'intervento è stato pubblicato sull'edizione cartacea di Russia Oggi

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta