Stop alla fuga di cervelli

Foto: PhotoXpress

Foto: PhotoXpress

Nuova linfa alla ricerca scientifica russa grazie al progetto Megagrant voluto dal Ministero russo della Pubblica Istruzione. Le esperienze di tre giovani studiosi

Megagrant, nato da un'idea del Ministero russo della Pubblica Istruzione per rivitalizzare la scienza russa, in collaborazione con università russe, laboratori e centri di ricerca, eroga ai partecipanti borse di studio fino a 150 milioni di rubli (5 milioni di dollari) per condurre personalmente un laboratorio di ricerca in Russia per un periodo non inferiore a quattro mesi all'anno per due anni.

Il concorso a livello mondiale ha attirato la partecipazione di 517 progetti internazionali. Molti dei candidati sono emigrati in Russia pronti a tornare in patria per realizzare le proprie ricerche, eccone degli esempi.

Alexei Kavokin ha completato il suo dottorato di ricerca agli inizi degli anni 1990 al Ioffe AF fisico-Technical Institute dell'allora Leningrado, ma ha ricevuto un'offerta di lavoro in Francia; in seguito si è trasferito nel Regno Unito. Gli studi di Kavokin sono sui cristalli. "Sto lavorando sulla questione delle interazioni tra luce e materia nei cristalli. Stiamo cercando di trovare il modo trasportare informazioni con la luce diecimila volte più di quello che può oggi passare attraverso un cavo in fibra ottica ", ha detto. Con Megagrant sta per costruire un laboratorio sperimentale all'Università Statale di San Pietroburgo, il primo al mondo creato appositamente per lo studio della propagazione delle correnti di spin, che potrebbe eventualmente assumere il ruolo delle correnti elettriche nei sistemi di comunicazione.

George Smoot non è mai stato in Russia, ma ha lavorato accanto a molti scienziati russi emigrati in seguito al crollo dell'Unione Sovietica. Nel 2006, Smoot è stato insignito del Premio Nobel per la sua ricerca sul Big Bang e il suo studio delle prime fasi della vita del nostro universo. Smoot apprezza l'alto livello della scienza e tradizioni educative in Russia, ma per lui c'è ancora un margine di miglioramento: "Le apparecchiature utilizzate dagli astrofisici e cosmologi non sono aggiornate", per questo il sostegno statale è vitale. "Ci sono borse di simili in molti Paesi, Emirati Arabi Uniti, così come Corea del Sud. Si tratta di un modo efficace per elevare il profilo della scienza e attrarre i migliori specialisti provenienti dall'estero", dichiara. Smoot è interessato a venire a Mosca per le sue ricerche: "Oggi ci stiamo concentrando su un progetto per osservare il bagliore di lampi di raggi gamma ad alta energia. Osservando ed analizzando queste esplosioni, possiamo scoprire molto su come si comportano in tutto l'universo e molto circa l'evoluzione dell'universo nel suo insieme ". L'apparecchio per l'osservazione di questo fenomeno verrà installato sul satellite Lomonosov, in costruzione all'Univesità Statale di Mosca.

Yulia Kovas, laureata presso la Facoltà di Lettere e Filosofia della Università Pedagogica Herzen di San Pietroburgo, dopo essere emigrata a Londra, si è interessata di psicologia e neuropsicologia, e ha frequentato un dottorato di ricerca nella genetica comportamentale. Non vorrebbe tornare in Russia perché si trova bene a Londra e ha una bella posizione accademica, ma, quando ha scoperto il concorso Megagrant, ha capito che sarebbe stato un'occasione unica per dimostrare la sua esperienza e conoscenza. "Penso che il punto principale di questo contributo è quello di integrare la scienza russa nella comunità scientifica mondiale. Ho intenzione di lavorare con il laboratorio in Tomsk per lungo tempo, non solo nei prossimi due anni". Kovas sa esattamente cosa sta per fare in Russia: studiare le variazioni tra le abilità matematiche di persone di età diverse. La teoria è che più alto è il livello di conoscenze matematiche in un determinato Paese, meglio funziona la società, migliore è il progresso tecnologico. Nel corso della sua ricerca, Kovas prevede inoltre di mettere insieme un elenco di gemelli russi under 18, che andranno a formare una base su cui sperimentare ulteriori ricerche. "A Londra sto lavorando su un progetto molto grande in cui migliaia di gemelli vi prendono parte, e stiamo cercando di condurre lo stesso tipo di ricerca in Russia".

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta