Tour in Russia per diversamente abili

Visitatori in sedia a rotelle al Museo di Stato di Russia durante la Giornata dei diversamente abili (Foto: Itar-Tass)

Visitatori in sedia a rotelle al Museo di Stato di Russia durante la Giornata dei diversamente abili (Foto: Itar-Tass)

Due donne di San Pietroburgo hanno fondato un'agenzia di viaggi, "Libertà", per chi non può muoversi in maniera autonoma: alloggi e percorsi ad hoc per una vacanza accessibile a tutti

Maria Bondar e Natalia Gasparyan hanno lesioni alla colonna vertebrale. Sono andate a scuola insieme e all'ultimo anno di studi hanno cominciato a sognare di aprire una propria attività. Dopo l'università, Maria è laureata presso il Dipartimento Tedesco della facoltà di Lettere all'Università Statale Leningrado, mentre Natalia ha una formazione da economista presso l'Università Tecnologica di polimeri naturali e ha lavorato al fianco come interprete-guida per gruppi di turisti tedeschi in visita a San Pietroburgo, hanno cominciato a notare le difficoltà dei viaggiatori in sedia a rotelle, anche nel trovare una guida disponibile ad accompagnarli. 

"Per la maggior parte delle guide turistiche significa fare dieci volte tanto il lavoro", racconta Maria Bondar. "Bisogna fare in modo che un turista disabile non resti indietro rispetto al gruppo e spesso bisogna spingere la sedia stessa". Ma a differenza della maggior parte dei loro colleghi, le due amiche erano molto felici di aiutare gli utenti su sedia a rotelle, e nel 2004, Maria e Natalia hanno deciso che questo sarebbe stato il loro business. 

Un tour normale consiste nel mostrare ai turisti i luoghi più caratteristici, organizzare i pasti, la sistemazione alberghiera e i programmi serali. Ma per un viaggiatore disabile in visita a San Pietroburgo tutto questo era quasi impossibile. Prima San Pietroburgo non aveva alberghi con porte abbastanza larghe per far passare le sedie a rotelle o docce speciali. Così Maria e Natalia, all'inizio, hanno deciso di limitarsi alla visita delle città sul Mar Baltico con i croceristi. 

Per preparare poi un normale itinerario per San Pietroburgo, fruibile per le persone diversamente abili, le due donne hanno deciso di provare un tour in sedia a rotelle  con gli amici. "Su una sedia a rotelle abbiamo cercato di girare la città, di entrare in musei e chiese", ha detto Maria Bondar.

Ogni visita è stato un vero banco di prova per il personale del museo. Anche se un ente pubblico dovrebbe avere impianti speciali per le sedie a rotelle, nella maggior parte dei casi, non erano mai stati utilizzati. Il personale del museo ci volevano aiutare, ma non sono mancate le eccezioni: "Sedie a rotelle? Passate sul mio cadavere! Non sul parquet del XVII secolo", ha risposto un direttore di un museo. 

In altri casi, è stato solo grazie alla caparbietà degli imprenditori che alcuni siti sono diventati accessibili alle persone disabili. In uno dei famosi palazzi di San Pietroburgo, era necessario comunicare l'arrivo con una settimana di preavviso al fine di utilizzare l'ascensore e anche così l'accesso non era sempre facile. "Se fossimo stati solo un po' in ritardo, il custode avrebbe iniziato a gridare", racconta Maria. Oggi c'è un servizio di portineria speciale. 

Le due donne hanno impiegato un anno di tempo per pianificare l'itinerario turistico giusto. Le prime destinazioni lungo il percorso erano il Museo Russo e l'Ermitage, più o meno attrezzati tecnicamente; poi è stato aggiunto il Museo di Storia della Religione. 

Ravilya e Petr Morozov e Yuri Kuznetsov, fondatori di "We're together", organizzazione per le persone disabili di base a San Pietroburgo, hanno iniziato a testare i luoghi per l'accessibilità con la sedia a rotelle e sono diventati co-fondatori dell'agenzia di turismo. Il gruppo ha deciso di chiamarsi "Libertà". Natalia e Maria hanno iniziato a promuovere la loro azienda attraverso le agenzie turistiche in altri Paesi e i social network. 

Gli amici le hanno accompagnate nelle prime escursioni, non senza intoppi. Per trasportare una donna tedesca in sedia rotelle, salendo tre gradini nella Cattedrale del Salvatore sul Sangue Versato, il marito di Maria ha utilizzato una rampa portatile in alluminio, che ha costruito con le sue mani. 

Nel 2007, i soci di "Libertà" hanno preso per la prima volta un prestito, 750.000 rubli (circa 26.000 dollari), da Sberbank. Hanno usato i soldi per comprare un camion per il trasporto di frutta. Il marito di Maria Bondar, un meccanico professionista, lo ha convertito a trasporto passeggeri. Ed è particolarmente orgoglioso della piattaforma speciale che può sollevare una sedia a rotelle fino al livello del bus. "Il nostro veicolo è incredibile; anche i nostri turisti stranieri sono rimasti meravigliati", riconosce Maria. 

"Libertà" offre giri turistici ai disabili russi, ma la maggioranza di loro ha redditi molto bassi. Così l'azienda ha deciso di far pagare un po' di più agli stranieri al fine di fornire tour scontati ai russi. L'agenzia ha ospitato turisti provenienti da Germania, Austria, Svizzera, Stati Uniti, Canada e Israele. Oltre a San Pietroburgo, "Libertà" organizza visite a Mosca, nella regione di Mosca e a Novgorod. Il costo del tour (escluso biglietto) è 100-400 euro a persona per due giorni e 1.000-2.000 euro per viaggi di una settimana.

Vincendo il premio "Il nostro futuro" della Fondazione Alekperov Vagit, "Libertà" ha potuto ottenere un prestito senza interessi di 1,72 milioni di rubli (più di 58.000 dollari) per quattro anni. La società ha utilizzato questo denaro per mettere l'aria condizionata sul minibus e sviluppare itinerari in altre città, come Kiev. I piani futuri includono l'acquisto di un nuovo, autobus moderno che costerà circa 2,5 milioni di rubli (circa 85.000 dollari), modifiche comprese. Un'importante società farmaceutica internazionale si è avvicinata all'iniziativa. 

Nel 2012 l'agenzia sta progettando di espandere la propria offerta ai turisti con problemi di udito. "Siamo pronti a creare un impero", anticipa Maria. Le sue idee sono anche un ostello e una catena di locali notturni accessibili a tutti, comprese le persone con disabilità; una flotta di autobus specializzati; un magazine TV sui viaggi con sedia a rotelle e una guida di San Pietroburgo per persone con disabilità.

Pubblicato per la prima volta su Sekret Firmy magazine

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta