Venti anni di politica russa

Un saggio della storica francese Hélène Carrère d'Encausse, "La Russia tra due mondi", ripercorre la storia nella stanza dei bottoni della Federazione

Cos'è diventata la Russia dopo l'8 dicembre 1991? In che posto deve essere collocata rispetto all'Europa? Bisogna temerla? Sono questi alcuni degli interrogativi che si pone - e a cui cerca di dare una risposta - la studiosa francese Hélène Carrère d'Encausse nel libro “La Russia tra due mondi”, pubblicato da Salerno editrice nella traduzione di Elena Cerchiari.

Storica della Russia e segretario permanente dell'Accademia di Francia, la Carrère d'Encausse ripercorre in questo saggio gli ultimi venti anni della politica russa: dalla dissoluzione dell'Urss alla successiva creazione della Comunità degli Stati Indipendenti, dall'era eltsiniana fino all'arrivo sulla scena politica di Vladimir Putin.

Se per l'Europa la caduta del muro di Berlino costituisce una data fondamentale e di cambiamento, per la Russia la data in cui tutto cambia è quella dell'8 dicembre 1991 quando “come per incanto scompare la potente Unione Sovietica”. Una caduta che però, a differenza di altre, non avvicina subito la nuova Russia alla comunità internazionale. Anzi questa continua a guardare all'ex Unione Sovietica con sospetto e paura. È in quel momento, secondo l'autrice, che però il mondo inizia a chiedersi, insieme ai russi stessi, che cosa sia la Russia e in che posizione vada collocata rispetto all'Europa, all'Asia e al mondo intero. D'altronde la questione dell'identità russa ha da sempre “torturato” il popolo russo e dopo la caduta dell'Unione Sovietica la scelta tra l'Asia e l'Europa diventa una decisione fondamentale per il futuro.

L'autrice traccia quindi un'attenta analisi dell'evoluzione della politica estera della Russia sotto Eltsin, Putin e Medved concentrandosi sulla continua ricerca di un posto nella scena internazionale e del riconoscimento del proprio ruolo di potenza mondiale. Descrivendo un Paese diviso tra una vocazione europea e una asiatica, la Carrère d'Encausse racconta una Russia che ha sempre vissuto con un'identità in bilico e divisa tra l'alleanza con la Cina e quella con il blocco Europa-Usa.

“La Russia tra due mondi” è un saggio geopolitico che, raccontando di una Russia divisa tra Europa e Asia, cerca di spiegare le trasformazioni e le evoluzioni avvenute all'interno dei territori dell'ex Urss e tuttora in corso nella Russia di oggi.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta