Putin sul mancato attentato

Foto: Afp

Foto: Afp

Le dichiarazioni del primo ministro russo dopo le notizie di arresto di due presunti terroristi ceceni che pianificavano un attacco dopo il voto del 4 marzo 2012

“Chi si trova nella mia posizione deve convivere con queste cose. Ma simili fatti non devono avere riflessi sul lavoro quotidiano. Non hanno mai interferito con i miei impegni e non lo faranno”.

Il primo ministro Vladimir Putin, candidato di Russia Unita alle presidenziali del 4 marzo 2012, ad Astrakhan ha commentato così l’attentato sventato, che ha portato all’arresto di due persone che pianificavano l’uccisione del premier all’indomani delle votazioni.

E ai giornalisti che gli hanno chiesto se fosse intenzionato ad aumentare il servizio di scorta, Putin ha risposto: “E per quale motivo?”, contestando poi l’ipotesi di un piano architettato ad hoc per aumentare i consensi in previsione del voto.

“Non è la prima volta che la mia vita si trova in pericolo”, ha concluso, facendo riferimento ai precedenti tentativi di colpirlo.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta