Flashback nella tradizione russa

L’artista moscovita Marina Belkevich ripropone l’antica arte popolare dell’Est nella sua mostra presso la Galleria civica Ezio Mariani di Seregno (Monza) dal 26 febbraio al 4 marzo 2012

Un salto indietro nel tempo. Un viaggio a ritroso nei secoli lungo le pieghe della tradizione russa tra antichi ricami, pitture e vecchi oggetti di uso quotidiano, riportati in vita da Marina Belkevich.

 

L’artista moscovita ripropone infatti la tradizione della Russia contadina a Seregno (Monza) con la mostra “Tradizione e creatività russa”, realizzata dall’associazione culturale “L’Umana Avventura”, al via dal 26 febbraio al 4 marzo 2012, nelle sale della Galleria civica Ezio Mariani.

 

L’esposizione sarà presentata da Giovanna Parravicini, Consultore del Pontificio Consiglio della Cultura e ricercatrice della Fondazione Russia Cristiana.

 

Fra le tecniche della Russia contadina del XVII secolo riproposte dalla Belkevic ci saranno in particolare il disegno, la grafica e la pittura, oltre alla stampa a mano su tela con blocchi di legno: un procedimento utilizzato nella metà del Seicento alla corte imperiale per decorare stendardi e stoffe, entrato poi nella vita di tutti i giorni nelle città e nelle campagne.

 

L’artista russa, dopo essersi diplomata all’Istituto Poligrafico di Mosca come grafica ed avere al suo attivo una ventina di mostre personali, ha sviluppato una tecnica della stampa utilizzando fili di seta e di lana dai colori intensi che danno forza al ricamo manuale su materiale di riciclo come i sacchi usati dai contadini russi.

 

La mostra resterà aperta tutti i giorni dalle 16 alle 19. Ingresso libero.

 

Per maggiori informazioni: 

Galleria civica Ezio Mariani

Via Cavour, 26 – Seregno (MB)

Tel.: 03622631

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta