Glonass non si arrende

Proton-M, razzo vettore con booster DM, e tre satelliti Glonass percorrono una rampa di lancio del cosmodromo di Baikonur in Kazakhstan. Fonte: ITAR-TASS / Sergei Kazak

Proton-M, razzo vettore con booster DM, e tre satelliti Glonass percorrono una rampa di lancio del cosmodromo di Baikonur in Kazakhstan. Fonte: ITAR-TASS / Sergei Kazak

L'agenzia spaziale russa Roskosmos procede a marce forzate nella realizzazione dell'anti-Gps, nonostante gli insuccessi spaziali del 2011

Gli insuccessi occorsi alla cosmonautica sovietica nel 2011 non hanno bloccato i progetti del  Roskomoss, l’Agenzia spaziale federale russa,che ha continuato a sviluppare un sistema di comunicazione cosmica nazionale e indipendente, che è destinato a diventare un’effettiva alternativa all’americano Gps. La costellazione di satelliti Glonass è già pienamente operativa e per i prossimi anni si prevede un incremento sensibile della spesa per il suo finanziamento e il suo sviluppo: se nel periodo dal 2001 al 2011 si sono investiti nella realizzazione del programma integrato di sviluppo federale del sistema Glonass 107 miliardi di rubli (pari a 4 miliardi di dollari), per il futuro, dal 2012 al 2020, è prevista una spesa di  347 miliardi di rubli (pari a  11 miliardi di dollari).

La maggior parte di tale somma (circa 280  miliardi di rubli) sarà investita nel finanziamento di una costellazione di satelliti: verranno messi in orbita 13 satelliti Glonass M (modello basico dei navigatori satellitari Glonass) e 22 satelliti Glonass K di nuova generazione. 

I satelliti di nuova generazione differiscono dai precedenti: il  Glonass M ha una vita operativa di 7 anni, un aumento di 2-3 in più rispetto a quella dei satelliti basici di recente produzione; mentre la  vita operativa del Glonass K arriva fino a 10 anni. Risulta, inoltre, incrementata la precisione nella determinazione delle coordinate (oggi già dell’ordine di meno di 3 metri); destinata ad aumentare ulteriormente in futuro.

A incrementare notevolmente la precisione del sistema sarà l’allestimento di una rete di stazioni di terra per la correzione differenziale e di tre ripetitori di telecomunicazioni in orbita geostazionaria. Tale sistema garantirà l’aumento della precisione di determinazione delle coordinate, fornendo informazioni aggiuntive.

Le stazioni di terra raccoglieranno segnali sulla posizione dei satelliti Glonass, e attraverso il ripetitore di telecomunicazioni, trasmetteranno informazioni aggiuntive ai dispositivi degli utenti. Questi dati ci permetteranno di aumentare la precisione nella determinazione delle coordinate fino a dieci centimetri. Entro il 2020 la precisione dovrà essere dell’ordine di 0,6 metri, contro lo 0,7 del sistema americano Gps.

Sedici geostazioni di questo tipo verranno allestite in Russia  e due in Antartide, sulle basi di Bellinghausen e Novolazarevskaya. Per il futuro è previsto l’allestimento di nuove basi su un immenso territorio che andrà dal Brasile all’Indonesia. Ciò consentirà di comprendere l’intero emisfero meridionale e di diffondere il sistema Glonass in una regione dove domina tuttora incontrastato il sistema americano Gps.

 

Un vantaggio evidente

Quando di parladi Glonass bisogna aver chiaro che si tratta di un sistema concepito inizialmente per obiettivi di difesa militare, come del resto l’americano Gps; così come di natura essenzialmente militare erano le finalità e le modalità di sviluppo del sistema Glonass previste fino agli anni scorsi. Di un impiego civile e commerciale del sistema si è cominciato a parlare solo in tempi recenti.

I primi veri dispositivi Glonass per uso personale e commerciale sono comparsi solo a partire dal 2010. Le prestazioni promettevano di essere di ottimo livello. Nel 2011 i ricavi ottenuti dalle vendite di navigatori satellitari “Nis Glonass” sono stati stimati intorno ai 3,3 miliardi di rubli, 4,5 volte in più rispetto a quelli dell’anno 2010. Tale indicatore è l’esito dell’intenso sviluppo di progetti legati alla navigazione satellitare, il cui numero è destinato ancora ad aumentare.

"Da quest’anno fattori di crescita supplementare si avranno grazie ai nuovi programmi di implementazione dei satelliti Glonass, attualmente adottati in 15 regioni della Russia e in altre 46 in fase di implementazione, mediante l’adozione  di sistemi di navigazione da applicare nel campo dei trasporti e l’istituzione di un sistema di risarcimento per i danni arrecati alle strade federali e regionali dai veicoli pesanti" ha detto Aleksandr Gurko, amministratore delegato della società Nis Glonass .

La maggior parte dei programmi regionali di implementazione del sistema Glonass, ancora in via di realizzazione, sono orientati sull’estensione del suo impiego civile che avrà come effetto una maggiore efficienza nel sistema  di trasporti, con l’uso di navigatori satellitari per autoveicoli pesanti e taxi, e sarà determinante per il miglioramento della qualità della vita della popolazione.

La tappa successiva è legata all’incremento della precisione del sistema. Quando la precisione nella determinazione delle coordinate sarà dell’ordine di meno di un metro, ciò significherà che il sistema Glonass potrà essere utilizzato per il monitoraggio dello stato di edifici a uso industriale, a rischio vibrazioni, come ponti, grattacieli, e altri. Un sistema di navigazione satellitare preciso sarà in grado di rilevare tali vibrazioni, trasmettendo simultaneamente i dati ai centri di sorveglianza. Di questo dispositivo, che utilizza i segnali di entrambi i sistemi satellitari operativi, verranno dotati i nuovi ponti di Vladivostok ora in costruzione per il summit dell’Apec (Cooperazioneeconomica nell'area asiatico-pacifica) che si svolgerà nel 2012.

È prevista, inoltre, per il futuro la realizzazione di due progetti di grande importanza strategica per il paese e le forze armate russe: la messa in produzione seriale di armi a testata nucleare e lo sviluppo di un sistema integrato di controllo tattico, impensabile senza un sistema di navigazione satellitare estremamente preciso. I sistemi di navigazione Gps e i sistemi integrati di controllo sono, come è noto, da molto tempo operativi negli Usa, ma se il Roskosmos si mostrerà lungimirante saprà fare tesoro dell’esperienza americana. 

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta