Rinasce pianta di 30mila anni fa

Esperimento riuscito a un gruppo di studiosi russi, che ha fatto fiorire un seme rimasto sepolto nel terreno della tundra siberiana

La piantina di Silene Stenophylla

(Foto: AP)

Lo sognava Steven Spielberg nel suo film Jurassic Park, tratto dall'omonimo libro di Michael Crichton: riportare in vita essersi addormentati da milioni di anni. Ed è un po' il risultato a cui è arrivato un gruppo di biologi russi del Centro di ricerca di Pushino, nella regione di Mosca, guidati da David Gilichinskij, riusciti a far fiorire una pianta con un seme vecchio di trentamila anni.

Si tratta di un seme di Silene Stenophylla, rimasto per secoli a riposare in una tana di scoiattoli fossilizzata nel terreno gelato della tundra siberiana Nord orientale, sulle rive del fiume Kolyma, a una temperatura costante di 7 gradi sotto zero che evidentemente gli ha permesso di conservarsi perfettamente, mantenendo pressoché intatte le proprie capacità germinative.

L'età della piantina di Silene è stata determinata con il metodo del carbonio 14 e batte il record della pianta germogliata con il seme più vecchio: il guinness precedente era stato raggiunto da una palma da dattero, nata da un seme di duemila anni recuperato nel deserto del mar Morto in Israele.

"Si tratta di un traguardo straordinario - ha dichiarato uno degli autori della ricerca, Stanislav Gubin, così come riportato dall'agenzia di stampa Itar Tass -. Gli scoiattoli negli anni hanno costruito una tana nel terreno gelato, infilandovi i semi insieme a erba secca e pelo di animale: il risultato è stato un deposito naturale di crioconservazione che ha mantenuto pressochè intatto questo seme fino ad oggi".

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta