E-commerce di successo

Foto: PhotoXpress

Foto: PhotoXpress

Gli acquisti via Internet fanno un balzo del 30 per cento in Russia per un valore di 10,4 miliardi di dollari nel 2011

Il commercio via Internet in Russia ha raggiunto un valore di 10,4 miliardi di dollari nel 2011, secondo quanto riportato dai media, in aumento del 30 per cento rispetto all’anno precedente, così come un enorme incremento di utenti e di fatturato ha interessato i principali siti di e-commerce, come Avito.ru.

L’equivalente locale di eBay, Avito.ru è stato lanciato nel 2007 ma ha iniziato a crescere in maniera significativa nel 2010. Il sito offre la possibilità di usufruire di una piattaforma gratuita per i venditori di prodotti, ma anche di sezioni a pagamento per la fornitura di servizi premium per gli imprenditori e le piccole imprese.

“Quando sono arrivato in Russia cinque anni fa, tutti mi dicevano che non avrebbe mai funzionato qui", ha riferito al Moscow Times Jonas Nordlander, amministratore delegato di Avito.ru.

I ricavi di Avito.ru hanno raggiunto i 10 milioni di dollari lo scorso anno, in crescita di dieci volte rispetto all’anno precedente, e la società prevede di triplicarli nel 2012, se continuerà l’andamento positivo del mercato. Il sito ha guadagnato 460 miliardi di rubli (15 miliardi di dollari) dalla sua attività commerciale nel 2011, in crescita rispetto ai 40 miliardi del 2010.

Nonostante ciò, la società continua a non fare profitti. “All’inizio non ci siamo concentrati sul profitto, ma sulla qualità del nostro prodotto. E continuiamo a investire su questo”, ha detto Nordlander. “Ogni startup ha le sue sfide; non credete a chi dice di non avere problemi. Abbiamo commesso degli errori. Abbiamo perso un sacco di soldi. Inizialmente, abbiamo assunto chi era stato scartato da aziende come Yandex, Mail.ru o Mamba”.

La holding di venture capital Fast Lane Ventures (un fondo di venture capital che si propone di selezionare, finanziare e formare startuppers, ndt) è entrata nell’e-commerce nel 2010. “La domanda da parte dei consumatori è diventata evidente e l’e-commerce rappresentava la soluzione più logica”, ha detto al Moscow Times l’amministratore delegato di Fast Lane, Marina Treshchova.

Fast Lane Ventures sta adesso sviluppando 15 progetti in vari settori, tra cui il trading online, il turismo, l’immobiliare e la salute. I loro investimenti iniziali in ambito e-commerce potrebbero raggiungere i 500 milioni di euro (651 milioni di dollari).

“Ma tutto dipende dal modello di business. Alcuni hanno bisogno di 20 milioni di dollari, altri di 4 o 5 milioni di dollari”, ha aggiunto. Tutti i progetti e-commerce di Fast Lane fanno leva su una metodologia di avvio locale chiamata Fast-50, che cerca di portare la società dalla fase iniziale al decollo entro 50 giorni.

“In un primo momento, abbiamo provato questo approccio su Sapato.ru”, ha detto Treshchova. “Ora, ha più di 200.000 ordini. Nel 2012 abbiamo in programma di raggiungere i 100 milioni di euro di fatturato ed entro la fine del 2013, 130 milioni di euro”, ha affermato.

Alla fine del 2011, il numero di utenti Internet in Russia ha raggiunto i 60 milioni, rendendolo il primo mercato in Europa.

 

La versione originale dell'articolo  

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta