Il Macef sbarca a Mosca

Foto: ufficio stampa

Foto: ufficio stampa

Forte dell'aumento del 21 per cento di visitatori russi, il Salone internazionale della casa di Fiera Milano debutta nella Federazione dal 14 al 17 maggio 2012

Obiettivo internazionalizzazione. La 92esima edizione del Macef, il Salone internazionale della casa di Fiera Milano, ha goduto di una forte presenza straniera, sebbene il risultato finale sia stato un calo di presenze del 6,3 per cento rispetto all’edizione 2011. Ma tra gli oltre 88mila visitatori che hanno curiosato tra i 1.887 espositori dal 26 al 29 gennaio 2012, i russi hanno segnato un +21 per cento rispetto all’anno precedente, confermando il crescente interesse che la Federazione riserva ai prodotti del Made in Italy.

Nell’ambito di uno scenario economico difficile, come ha sottolineato lo stesso amministratore delegato di Fiera Milano Enrico Pezzali, “Macef ha suscitato una maggiore attenzione da parte dei mercati strategici, come Russia, India e Brasile, e al contempo è riuscito a rinnovare l'interesse di alcuni Paesi europei”. Un aumento dei visitatori è stato registrato anche dall’India con un +34 per cento, mentre l’affluenza dalle Americhe ha segnato un +32,6 per cento. Sul fronte dei visitatori del Vecchio Continente, il prevedibile calo di Spagna e Grecia (-7 per cento) è stato riequilibrato dal +12 per cento dei francesi.

I Brics rappresentano quindi il vero traino per le esportazioni dei prodotti italiani, obiettivo di espansione estera che Fiera Milano sta portando avanti, soprattutto con Russia e Brasile. A completamento di questa missione, dal 14 al 17 maggio 2012 debutterà Macef Russia,nel quartiere espositivo moscovita All-Russian Exhibition Centre. Il salone, che proporrà il meglio dell’offerta italiana e internazionale dell'home design, nasce dalla collaborazione tra Fiera Milano e Restec Exhibition Company e segna l’avvio di una partnership con cui Fiera Milano entra nella Federazione Russa, da tempo individuata come uno dei più dinamici mercati al mondo, l’ottavo per i prodotti retail, e uno sbocco particolarmente promettente per il Made in Italy.

Il merito è della popolazione russa e del cambiamento nello stile di vita che porta gli abitanti della Federazione a una crescente attenzione al mercato degli articoli per la tavola e soprattutto dei regali business, per i quali il Made in Italy è sinonimo di qualità ed eleganza.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta