Colline Pushkin, rifugio di campagna

Alexander Pushkin trascorreva momenti felici nelle tenute della sua famiglia e degli amici vicino alla città di Pskov, nel Nord Ovest della Russia

Foto: William Brumfield


Delle numerose località collegate ad Alexander Pushkin - spirito libero e genio fondatore della letteratura russa - nessuna è più liricamente evocativa e biograficamente ricca del gruppo di tenute conosciute collettivamente con il nome di "Colline Pushkin". Mikhailovskoye, Petrovskoye e Trigorskoye si trovano a circa 75 miglia a Sud Est della città di Pskov vicino al Monastero Svyatogorsky, dove è sepolto il grande poeta. In questa pittoresca regione della provincia di Pskov, pinete e boschi di betulle si alternano a prati, laghetti e dolci pendii.

Dal punto di vista biografico, la più importante di queste tenute è Mikhailovskoye, che il bisnonno di Pushkin, Abraham Petrovic Hannibal, ricevette dall’imperatrice Elisabetta nel 1742 per le sue attività al servizio del padre, Pietro I (detto il Grande). Dopo la morte di Abraham nel 1781, la tenuta è andata a suo figlio Osip, che ha costruito la casa principale e progettato un parco. Dopo la morte di Osip, nel 1806, la casa è rimasta nelle mani della sua vedova Maria e della figlia Nadezhda, che era la madre di Pushkin.

Nel 1866, questa originale casa fu smantellata da Grigory, il figlio minore di Pushkin, che l’ha ricostruita  con uno stile diverso sulle stesse fondamenta. La casa è andata a fuoco due volte, nel 1908 e nel1918, ma ogni volta è stata ricostruita in onore del legame con Pushkin. I violenti scontri durante la Seconda Guerra Mondiale hanno causato ulteriori danni. Nel 1949 gli architetti hanno utilizzato le fondamenta originali e le antiche memorie per ricostruire la casa in una forma più vicina a quella del periodo di Pushkin. Come risultato, la costruzione attuale e la maggior parte degli edifici di servizio adiacenti sono ricostruzioni del 20° secolo. Eppure, l'atmosfera della tenuta è talmente suggestiva che i visitatori possono immaginare l'esistenza modesta che Pushkin ha condotto qui.

Infatti, il ​​poeta ha vissuto raramente lontano da questa tenuta. La sua prima visita è avvenuta nell'estate del 1817, appena dopo il diploma conseguito presso il Liceo Alexander di Tsarskoe Selo. In seguito, scrisse di queste sei settimane come di un momento piacevole che gli aveva permesso di scoprire i piaceri della vita di paese. Ciò nonostante era abbastanza perspicace per capire che non tutto era così idilliaco in quella società di servi della gleba. I suoi sentimenti di protesta sono emersi in seguito così chiaramente in alcune poesie che l'imperatore Alessandro I decise di mandarlo in esilio in una località a Sud dell'impero russo, dove ha trascorso quasi cinque anni. Pushkin ha fatto ritorno da Odessa a Mikhailovskoye nell’agosto del 1824. Non era solo: i suoi genitori, insieme alla sorella Olga e al fratello Lev erano con lui, ma a novembre la famiglia si è trasferita a San Pietroburgo e Pushkin ha trascorso i successivi due anni per la maggior parte del tempo da solo.

L'inattività forzata si è dimostrata molto produttiva. A Mikhailovskoye ha continuato a scrivere il suo romanzo in versi Eugene Onegin e la tragedia drammatica intitolata Boris Godunov. Nonostante la noia della vita di provincia, Pushkin non era un recluso. Il soggiorno gli ha permesso di giungere a una comprensione più profonda della cultura popolare rappresentata dalla sua ex bambinaia, l’anziana Arina Rodionovna, con la quale ha intrattenuto frequenti conversazioni. Il suo principale antidoto alla noia, tuttavia, era rappresentato dalla vicina tenuta di Trigorskoye, dove Pushkin visitava la famiglia di Praskovya Osipova.

Come la tenuta di Mikhailovskoye, anche la casa di Trigorskoye subì un incendio nel 1918 come risultato della violenza che aveva travolto la regione di Pskov durante la guerra civile. Dopo la Seconda Guerra Mondiale fu ricostruita sulle fondamenta originali. La forma allungata della casa risulta piuttosto strana. Assomiglia a un fienile e in precedenza era stata utilizzata per la tessitura del lino. La famiglia Osipova vi si trasferì temporaneamente nel 1820, durante la ristrutturazione della casa principale. Quando quest’ultima venne bruciata, la signora Osipova decise di rimanere nella residenza temporanea, aggiungendo dei portici alle due estremità della casa.

La famiglia Osipova comprendeva la due volte vedova Praskovya, le sue quattro figlie e un figlio, insieme a vari parenti. La matriarca era innamorata di Pushkin, che veniva piacevolmente viziato durante le sue visite a casa loro. Ma le attenzioni del poeta erano rivolte alla nipote di Osipova, Anna Petrovna Kern, che aveva visitato Trigorskoye nell'estate del 1825. Pushkin aveva incontrato precedentemente la Kern a San Pietroburgo, e questo inaspettato nuovo incontro aveva stimolato il suo desiderio. Infatti, le aveva dedicato una delle sue poesie d'amore più passionali: "Ricordo il momento miracoloso". Quando Osipova ha avuto sentore di questa relazione, ha rimandato la Kern dal marito a Riga. Nel settembre del 1826, a Pushkin venne concesso di tornare al grande mondo di Mosca e San Pietroburgo, anche se sotto la supervisione di Nicola I e della sua gendarmeria.

La terza di questo insieme di tenute, Petrovskoye, rappresenta il collegamento più stretto con gli Hannibal, gli antenati di Pushkin. Nel 1781 è stata ceduta al primo dei figli di Abraham Hannibal, Peter, che ne fece la sua casa. Anche se non di grandi dimensioni, si tratta della costruzione più imponente tra le tre di Pushkin. Anche Petrovskoye fu bruciata nel 1918. Per la sua ricostruzione, che è stata completata nel 1976, sono stati utilizzati dei documenti d'archivio. La casa era circondata da un parco naturale che conduceva al lago Petrovskoye (o Kuchane), costellato da sentieri, pergolati e padiglioni. Si dice che Pushkin abbia visitato il suo prozio diverse volte.

L’ultimo posto legato a Pushkin in quest’area è il Monastero Sviatogorsky, fondato nel 1569 sotto il comando di Ivan IV (detto il Terribile). Situato in cima a una piccola collina, il monastero comprende la Chiesa della Dormizione della Vergine, costruita con pietre a secco nel 1569 e ampliata nel 1770. Pushkin ha visitato il monastero in numerose occasioni e vari membri della sua famiglia sono stati sepolti qui, tra cui sua madre nell’aprile del 1836. Meno di un anno dopo, il 29 gennaio 1837, Pushkin è morto in un tragico duello. Poco dopo il suo funerale a San Pietroburgo, il suo corpo è stato portato sotto scorta presso il Monastero Sviatogorsky e sepolto accanto alla tomba della madre vicino alla parte Est della Chiesa della Dormizione.

Alla fine del 1839, la vedova di Pushkin, Natalia Nikolaevna, ha incaricato lo scultore di San Pietroburgo, A. M. Permagorov, di creare un obelisco di marmo per la tomba. Nell'autunno del 1840 l’obelisco, recante una semplice iscrizione che indicava l’anno e la data di nascita e di morte del poeta, è stato collocato sulla tomba. Per il più grande poeta russo qualsiasi altra parola in più sarebbe stata superflua.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta