Un premio per unire Italia e Russia

Foto: fonte libera

Foto: fonte libera

Consegnato nella sede dell'Ambasciata d'Italia a Mosca il riconoscimento internazionale Proarte, dedicato al miglior progetto di promozione del proprio Paese. Zanardi Landi: "Ai giovani la missione di portare pace e stabilità"

L'Anno degli scambi culturali tra Italia e Russia è sì finito con il 2011, ma gli eventi importanti che uniscono i due Paesi continuano ad attirare la nostra attezione.

È il caso del premio Proarte, un riconoscimento internazionale dedicato ai giovani amanti del proprio territorio, che cercano di promuoverlo, realizzando progetti di cultura, arte e storia locale.

Il 26 gennaio 2012 a Villa Berg, sede dell'ambasciata italiana a Mosca, si è svolta la cerimonia di consegna della Medaglia che il Presidente della Repubblica Italiana ha voluto destinare al vincitore della sezione internazionale del premio, la giovane russa Maria Volodina, selezionata per la propria idea progettuale dal titolo "Step Towards". A rappresentare il Comitato promotore del Premio Internazionale ProArte c’erano Carmelo Lentino, consigliere nazionale del Forum Nazionale dei Giovani, responsabile del settore Cultura, Turismo e Territorio, che ha consegnato gli attestati di riconoscimento del alla giovane vincitrice e agli altri giovani selezionati per l'originalità delle proprie idee.

E i selezionati presentano i loro progetti. Per prima Anastasiya Shvedchikova, autrice del progetto “All Russia”. La giovane, con un gruppo di amici, si occupa della produzione di capi d'abbiglamento della tradizione russa. Da qui l’idea di attraversare la Russia cercando gli esperti in possesso degli antichi segreti dei lavori femminili e apprendere da loro il metodo migliore per mostrare agli altri giovani come erano belle le arti manuali di un tempo. "Il nostro scopo è creare alla fine un museo dedidato a queste lavorazioni tradizionali e dare la possibilità a tutti, russi, grandi e piccoli, e stranieri di saperne di più", spiega la  Shvedchikova.

La parola passa poi a Anna Leonova:  "Il nostro progetto si chiama Moscovvita: è un sito per gli italiani che vogliono venire a Mosca a studiare,  lavorare, fare il business e non sanno da dove iniziare". Questo progetto è realizzato in collaborazione con alcuni ragazzi siciliani e nello staff lavorano circa 15 persone. Il lancio ufficiale del sito è previsto per il 1° febbraio 2012. "Stiamo andando avanti e credo di poter far crescere questo progetto con l’aiuto del premio Proarte", afferma la Leonova.

Alla cerimonia interviene, alla fine, la vincitrice, Maria Volodina. Emozionatissima, dice: "Vi presento il mio progetto che si chiama Step towards: lo scopo del progetto è stimolare i giovani a partecipare agli scambi culturali tra l'Italia e la Russia e creare le condizioni più favorevoli per il dialogo tra i nostri Paesi. Il progetto si divide in due fasi: nella prima gli studenti possano raccogliere le informazioni sulla regione di loro interesse. La seconda parte sarà rappresentata dal viaggio nella regione scelta. La prima cosa da fare è cercare università italiane e russe interessate a questi scambi. A rompere il ghiaccio ci penseranno  gli atenei della regione di Murmanskaja. Poi vogliamo creare un sito online,  dove gli studenti potranno trovare tutte le informazioni utili. Il sito sarà disponibile in tre lingue; russo, italiano e inglese".

L'ambasciatore italiano Antonio Zanardi Landi, padrone di casa dell’evento, ha commentato: "Ovviamente, parlando del bello, non ci si riferisce solo alle arti figurative,  alla musica, ma anche alla filosofia, alla politologia, utili per migliorare la nostra vita, la nostra società. E questo è l'augurio migliore che posso fare a voi che avete deciso di partecipare a questo premio. Auguro che il vostro concetto di meglio e cultura possa aiutare il vostro Paese a crescere e a integrarsi di più con l’Italia e l’Europa e a svolgere una missione importante di pace e di stabilizzazione".

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta