La storia russa tra gonne e copricapi

Una mostra di abiti tradizionali ripercorre l’evoluzione del folclore della Federazione. L’esposizione resterà aperta fino al 25 marzo 2012 presso il Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari di Roma

abito russo

Foto: ufficio stampa

Ripercorrere la storia della Russia attraverso i costumi che hanno segnato le diverse epoche. In occasione dell’Anno di interscambio culturale tra Russia e Italia, il Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari, grazie all’Istituto centrale per la Demoetnoantropologia, in collaborazione con il Museo Etnografico Russo di San Pietroburgo, ha organizzato la mostra “L’abito popolare russo”: un viaggio nei secoli attraverso i costumi originari delle differenti regioni della Russia.

Aperta al pubblico fino al 25 marzo 2012, l’ esposizione offre cinquanta abiti risalenti al XIX e XX secolo, appartenenti alle collezioni del Museo Etnografico di San Pietroburgo: un percorso originale e curioso attraverso l’evoluzione storica di questo Paese.

Nella mostra si potranno osservare i principali abiti maschili e femminili tra i quali la poniova, il sarafàn, un abito lungo senza maniche, e l'abito con la gonna a righe. Alcuni di questi indumenti, come la poniova, la camicia, e il perednìk, sono indossati ancora adesso in diverse zone della Russia.

La stessa mostra è stata presentata nel 2009 a Parigi presso la la Fondation Pierre Bergé - Yves Saint Laurent.

Per maggiori informazioni:

Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari

Piazza Guglielmo Marconi 8/10, Roma

www.idea.mat.beniculturali.it

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta