Le arti marziali parlano russo

Foto: Kommersant

Foto: Kommersant

La nuova frontiera del combattimento corpo a corpo arriva in Italia da Krasnodar. La tecnica di autodifesa, ideale anche per donne e bambini, spiegata dal maestro Igor Skobeev


Chi ha avuto modo di avvicinarsi alle arti marziali avrà sicuramente sentito parlare di quelle russe, un sistema di combattimento che affonda le sue origini nei metodi di difesa delle antiche tribù slave rielaborato come lo conosciamo oggi dalla scuola Sambo di Krasnodar, che lo ha reso efficace in campo militare e paramilitare.

Russia Oggi ha partecipato lo scorso 3 e 4 dicembre 2011 a due giornate di stage di arti marziali russe-Systema Rrb, organizzate a Roma dalla Fiamr, la Federazione Italiana di Arti Marziali Russe; ospite d’onore il russo Igor Skobeev, presidente dell’International Federation of Hand to Hand Fighting (Fhthf) ed ex addestratore di combattimento corpo a corpo del 45° paracadutisti Speznaz Vdv.

E’ proprio Skobeev a spiegare in cosa consiste il Systema Rrb, acronimo di Russkij Rukopašnyj Boj, traducibile in italiano come “combattimento corpo a corpo”:“E’ una disciplina nata in ambito militare, studiata per la difesa e la sopravvivenza in situazioni estreme; si basa su una serie di tecniche di combattimento corpo a corpo, di disarmo, di difesa da armi da taglio e da fuoco, con una speciale attenzione per la psicologia del combattimento”.

“Il Systema – continua Skobeev – non è uno sport come la boxe, è un insieme di vere e proprie tecniche di combattimento e si differenzia dalle arti marziali giapponesi per la maggiore preparazione nel corpo a corpo in situazioni estreme e per la capacità di sfruttare i movimenti naturali e istintivi dell’uomo”.

La Federatione Internazionale Hand to Hand Fighiting è presente nelle più importanti città della Russia e conta oltre 10 mila praticanti, tra i quali anche diverse donne; spiega, infatti, Skobeev che “per praticare il Systema RRB non serve nessun tipo di preparazione fisica e non ci sono limiti di età, ad essere importanti sono la coordinazione, l’equilibrio e la concentrazione. Il Systema è adatto anche alle donne perché permette loro di acquisire tecniche di autodifesa”.

 

In Italia è la Federazione Italiana Arti Marziali Russe a insegnare il Systema RRB: creata ufficialmente nel 2010 da Andrei Pogrebnoi, ma attiva dal 2006, conta tre sezioni attive a Roma e una cinquantina di iscritti che vanno dai 16 ai 60 anni, e ha in progetto di attivare dei corsi per i bambini dai sei anni in più. “Ovviamente - sottolinea Pogrebnoi  - con i bambini non attueremo il Systema vero e proprio, ma uno speciale lavoro concepito come un gioco.

Informazioni sulle Arti Marziali Russe-Systema Rrb

Una lezione di Systema Rrb dura in media due ore e deve essere praticata con un abbigliamento comodo in modo da poter eseguire bene i movimenti.

Federazione Italiana Arti Marziali Russe

International Federation Hand to Hand Fighiting di Mosca

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta