Avventure sui taxi moscoviti

Una recente legge vieta le corse abusive, ma, tra favorevoli e contrari, a oggi, poco sembra essere cambiato per le strade della capitale russa

Un giro in taxi a Mosca è un'avventura a parte. Dal 1° settembre 2011 le auto abusive sono bandite dalle strade; la legge stabilisce, infatti, che i tassisti privati ​​devono essere in possesso di un permesso e che il mezzo deve essere dotato di un tassametro, di una luce arancione sul tetto e di strisce a scacchiera dipinte sulla fiancata. Le vetture dovranno, inoltre, essere sottoposte a un controllo ogni sei mesi e ogni regione avrà il diritto di richiedere che tutti i taxi siano verniciati con lo stesso colore.



Inoltre, il conducente dovrà avere un’esperienza di guida di almeno cinque anni e dovrà compilare una ricevuta o un modulo per ciascuna corsa. Con la nuova legge, infine, i taxi sono controllati dagli ispettori della polizia stradale (Gibdd) e da Rostransnadzor, l’Agenzia federale russa dei Trasporti. Che cercheranno di prendere un taxi irregolare fingendosi dei passeggeri e filmando l’operazione.



Ma davvero le cose sono cambiate a Mosca? Prima dell'entrata in vigore della legge, si contavano più di 40.000 tassisti irregolari nella sola capitale russa, secondo la Mosca Transport Union, l’Associazione delle aziende dei trasporti moscoviti. Secondo le stime, i taxi irregolari guadagnano più di un miliardo di rubli esenti da imposte sul reddito ogni anno. Al contrario, ci sono solo circa 9.000 taxi ufficiali all'ombra del Cremlino.



Non sorprende che a Mosca le compagnie di taxi ufficiali sostengano la legge. “L’anarchia causata dai taxi privati gestiti da persone senza alcuna esperienza di guida e conoscenza della lingua russa o della città finalmente termina”, affermava Felix Margarian, direttore generale della New Transportation Company, che opera sotto il marchio del taxi di colore giallo. “Gli irregolari che hanno occupato le vie d’accesso agli aeroporti, le stazioni ferroviarie e le aree di parcheggio vicino ai complessi commerciali dovranno gradualmente legalizzare la propria attività oppure uscire dal mercato. Sono sicuro che non ci sarà alcun deficit”.



Ma i critici della legge sostengono che ignora gli interessi dei singoli imprenditori. “L’elenco dei requisiti e dei documenti da presentare da parte dei tassisti è ancora da approvare. Mettere delle pedine sulla fiancata dell’auto e una luce non costa molto. Ma un tassametro è una storia diversa. Alcuni dicono che il dispositivo può essere acquistato per 1.500 rubli, altri che si può semplicemente installare un programma sul navigatore. Se fossero, inoltre, introdotte delle restrizioni sul colore, migliaia di tassisti dovrebbero ridipingere le loro auto. Un’operazione costosa”, afferma Yaroslav Scherbinin, presidente dell’Unione russa dei tassisti.



Secondo i tassisti privati, il problema principale con la nuova legge è che le licenze verranno rilasciate solo a coloro che sono proprietari dell’auto. I conducenti che invece utilizzano le vetture con una procura non saranno autorizzati. Inoltre, non è ancora chiaro cosa comporteranno il check-up medico per i conducenti e le ispezioni di sicurezza dei veicoli, né dove questi test avranno luogo e chi li gestirà. Quasi tutti i conducenti di taxi irregolari parlano dell'inefficacia della nuova legge.



Alexei Krikunov, che ha 20 anni di esperienza come tassista abusivo e non ha intenzione di mettersi in regola, dice che è impossibile cogliere sul fatto un taxi irregolare. “Mi capita spesso di trasportare passeggeri che fanno il mio stesso percorso”, sostiene Krikunov. “Così se un vigile mi ferma posso sempre dire che sto accompagnando un parente”. Una tattica che probabilmente funzionerebbe per Darya González. “Io prendo il taxi per andare da casa mia all’ufficio. Ci sono sempre un paio di auto parcheggiate nello stesso posto. Conosco bene i conducenti”, dice.



Anche i passeggeri che usufruiscono raramente dei taxi non credono che una maggiore regolamentazione riduce le tariffe illegali. “Metà delle auto che si fermano per far salire passeggeri illegali ora sono taxi ufficiali”, dichiara Anton Makhrov. “Il conducente lavora per questa o quella società che prende ordini dal call center, ma è ancora tentato di guadagnare qualcosa di più dei 300 rubli prendendo a bordo un passeggero senza documenti. Chi mai cambia questa situazione?”.



Tuttavia, Stanislav Krivosheyev, leader del movimento dei tassisti di tutta la Russia e redattore capo del portale Taxist News, ha deciso di regolarizzare la propria posizione. “Per ottenere una licenza a Mosca ci vogliono meno di 20 minuti, l’auto non è stata ispezionata, ho semplicemente mostrato i documenti”, dice. “Ho scelto un tassametro, un software certificato e l’ho installato sul navigatore. Per espletare tutte le procedure ho impiegato un mese e mezzo e mi è costato 10.000 rubli. L’ho fatto totalmente di mia spontanea volontà. Ma credo che la maggior parte dei tassisti troverà più facile continuare a lavorare illegalmente”.



Questo scenario è particolarmente probabile per i conducenti di taxi abusivi che sono immigrati clandestini. “Questi ragazzi sono già irregolari, le loro auto di solito non possiedono un certificato tecnico, i conducenti sono immigrati clandestini, quindi è assurdo pensare che qualcuno possa avere paura di diventare ancora più abusivo di quanto lui o lei non siano già”, affermaMakhrov. “L’imposizione di regole uguali per ogni attore sul mercato è sempre una buona cosa perché rende il mercato più trasparente. Ma non cambia nulla nel modo in cui i clandestini conducono il proprio business”.



La legge potrebbe avere l’effetto collaterale di migliorare l’immagine di Mosca come meta d’affari e di turismo. Per alcuni stranieri la mancanza di taxi ufficiali nella capitale russa costituisce un problema. Gli uomini d’affari abituati a New York o a Londra si aspettano che il centro di Mosca sia pieno di taxi ufficiali e facilmente identificabili. I turisti, molti dei quali non parlano e non leggono il russo, si sentono intimiditi dalla metropolitana e sono spesso limitati nella possibilità di fare i turisti  per la mancanza di opzioni di trasporto.



Ma per alcuni stranieri prendere i taxi abusivi è un’avventura. Tamara Smith, un’americana che ha vissuto a Mosca per sette anni, ha detto di aver cominciato a usare i taxi irregolari per necessità, nonostante la sua diffidenza iniziale. Nel complesso, ha apprezzato l’esperienza. “Abbiamo incontrato molte persone interessanti che prendono a bordo dei passeggeri per sbarcare il lunario, chirurghi, scienziati, e perfino il coreografo del trapezio del Circo di Mosca! Andare in auto con loro è stato un ottimo modo per capire cosa le persone del posto pensano degli eventi attuali”, racconta. E sulla riforma: “Conoscere il russo è un must assoluto se si deve utilizzare un taxi abusivo - così un sistema più simile a quello di New York o di Londra sarebbe molto più allettante e più sicuro”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta