Firenze vista dai russi

Foto: Ufficio Stampa

Foto: Ufficio Stampa

Il 25 novembre 2011 Palazzo Medici Riccardi ospita l’inaugurazione di una mostra fotografica e la presentazione di un libro, entrambi dedicati all’eterna città toscana legata alla Russia

Firenze vista dalla Russia: è con questo intento che è nata la mostra “Russkaja Florencija, la Firenze dei russi”, riproposta nel Cortile di Michelozzo a Palazzo Medici Riccardi in occasione dell’anno della cultura e della lingua russa in Italia (la mostra sarà aperta dal 25 al 28 novembre 2011, con inaugurazione alle ore 17).

L’esposizione, realizzata a cura del Centro di Cultura e Lingua russa di Firenze e dalla Provincia di Firenze, grazie alle fotografie di Massimo Agus ripercorre i luoghi fiorentini che evocano i legami con la Russia, soprattutto attraverso l’esperienza di russi che ci sono passati o che ci hanno vissuto.

Le immagini, accompagnate da testi storici e biografici scritti da Lucia Tonini e Michail Talalay, oltre a cogliere la memoria di grandi personaggi come Andrei Tarkovsky, Dostoevskij e Demidoff, presentano anche i luoghi più significativi della comunià russa a Firenze.

Nell’ambito della mostra si terrà inoltre l’incontro dal titolo “Russi a Firenze, note di una lunga amicizia” dedicato alla dinastia Demidov (25 novembre 2011, ore 17.30, presso la Sala Pistelli, Palazzo Medici Riccardi).

Durante la conferenza verrà presentata la figura di Maria Demidova Abamelek-Lazareva, che nella Firenze del XX secolo fu punto di sostegno e coesione per la comunità russa in Italia.

L’incontro si soffermerà sull’ultima pubblicazione della Fondazione Internazionale ‘Demidov’ di Mosca “L’ultima di San Donato: principessa Abamelek-Lazareva nata Demidova”, una raccolta di lettere, pubblicate in lingua originale, conservate presso il Fondo Demidov nell’Archivio storico della Provincia di Firenze.

Affianca la presentazione del testo, la lettura di alcune lettere, in russo ed in italiano da parte di giovani interpreti fiorentini.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta