La nuova frontiera dei veicoli commerciali

Il nuovo modello è studiato per incontrare le esigenze del mercato (Foto: Carlo Otto Brambilla)

Il nuovo modello è studiato per incontrare le esigenze del mercato (Foto: Carlo Otto Brambilla)

Il maggiore produttore russo di veicoli industriali si allea con Mercedes per un nuovo “low-cost” stradale

Il nuovo Kamaz 5490, un trattore stradale frutto della cooperazione tra Kamaz e Mercedes, è stato presentato al Comtrans di Mosca.

Il veicolo, che segna l’avvio di una nuova stagione per l’azienda da sempre orientata a mezzi da cava e cantiere, deriva dal Mercedes Axor, prodotto in Germania e in Turchia. Estese le modifiche alla carrozzeria, al telaio, al cambio (ZF, non Mercedes) e al ponte: tutti adattati per le esigenze del mercato locale, ma idonei anche ai viaggi nella Ue. Infatti nasce da subito come Euro 5, con cronotachigrafo digitale, anche se in Russia questo livello normativo non è richiesto. L’inizio produzione è previsto, nello stabilimento Kamaz nel Tatarstan, a partire dalla fine 2013. I budget sui volumi sono, per ora, riservati. Dotato del sei cilindri in linea, nelle tarature da 420 e 440 CV (che in futuro verranno prodotte in Russia) dispone di componenti specifici che non appartengono alla catena cinematica tradizionale, ma sono diffusi in Europa; dovrebbe costare il 25% in meno rispetto a un veicolo europeo analogo.

Si tratta di un processo di integrazione del prodotto tra i due costruttori: Mercedes detiene infatti il 10% delle azioni della Kamaz, e a Naberezhnie Chelny si trova anche l’unità produttiva per i camion Mercedes in Russia. Tra gli aspetti economici più interessanti vi è il fatto che, dopo il lancio iniziale, il contributo locale in valore dovrebbe crescere progressivamente, fino a raggiungere l’80%.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta