Arte e business, accordi e scambi culturali tra Kaluga e l’Italia

Foto: Lori/Legionmedia

Foto: Lori/Legionmedia

Nel capoluogo industriale dell’omonima regione russa ci sono stabilimenti produttivi di molte aziende italiane

Fonte: Ljudmila Kazinkina/ CSART

Arte e business nel segno dell’Italia a Kaluga. Nel capoluogo industriale dell’omonima regione della Federazione si sono stabilite diverse aziende del nostro Paese, da Zuegg a Bauli, a Bozzoli, con il gruppo farmaceutico Menarini che ha in progetto di costruire nel parco tecnologico «Grabtsevo» un impianto per la produzione di preparati terapeutici. Merito della politica favorevole agli investimenti esteri adottata dai governanti locali.

Ma le relazioni con la Penisola non si limitano all’economia: la città di Kaluga ha siglato un gemellaggio con Parma. Nell’Anno dell’interscambio culturale tra Russia e Italia, i due comuni hanno deciso di focalizzare l’attenzione sull’arte. Una delle prime iniziative è stata la mostra di Ljudmila Kazinkina, un’artista di Kaluga che attualmente vive e lavora nella città italiana. Il titolo scelto, «Mondi paralleli», simboleggia l’esperienza culturale e le tradizioni delle due città. Ljudmila Kazinkina fa parte del Comitato per il Gemellaggio con Kaluga. Parlando del suo impegno, Ljudmila ci spiega: «Mi duole il cuore ogni volta che si tocca questo tema. Gli italiani hanno un enorme desiderio di conoscere meglio i russi. Quando vengo qui, vedo che la gente ha voglia di fare, che la volontà c’è. Pertanto, i due aspetti si compensano». Tra le iniziative sostenute dal Comitato ci sono progetti come «PaRus», un’associazione che gestisce dal 2008 una scuola russa per trasmettere la lingua e la cultura russa ai figli delle coppie miste.

L’estate scorsa a Parma si è svolto «Iàrmarca. Festival della lingua e cultura russa». Kaluga ha partecipato con lo spettacolo di Aleksandr Pletnev Lodka. Il regista e attore Konstantin Soldatov ci ha raccontato la sua esperienza: «Abbiamo recitato Lodka dopo una tiepida pioggerella. Una chiesa del XVII secolo ci ha fatto da scenografia. Alcune frasi essenziali per comprendere la trama le abbiamo recitate in italiano. Un’esperienza che ripeterei volentieri».

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta