Chiome pazze in Russia

Foto: Liza Azarova; Reuters

Foto: Liza Azarova; Reuters

Al Palazzo dei Congressi del Cremlino uno spettacolo sorprendente a colpi di forbici e pettine, che ha messo in mostra l’opera di parrucchieri di grido da tutto il mondo: l’Alternative Hair Show

Foto: Liza Azarova; Reuters

Ciuffi ribelli, tagli irregolari, colori choc: tutto quanto di più folle passa per la testa diventa arte all’Alternative Hair Show (Ahs). La manifestazione internazionale che detta la moda dei capelli si è svolta per la prima volta a Mosca, presso il Palazzo dei Congressi del Cremlino. Il tema di quest’anno su cui si sono sbizzarritti hair stylist da ogni parte del globo era “Illusioni”. Ognuna delle 17 squadre armate di forbici e spazzola ha dato sfogo alla propria creatività, dettando nuovi stili sulla base degli spunti più diversi: dall’era primitiva al futurismo, dalla pittura al teatro.

Prima d’ora questa manifestazione, era conosciuta in Russia solo a una cerchia piuttosto ristretta di professionisti del taglio. Nel corso dei 29 anni di vita dell’Ahs, l’evento si è tenuto non solo in Gran Bretagna, sua patria natale, ma anche in Giappone, Austria, Italia, Corea, Stati Uniti e altre nazioni. I proventi della manifestazione vengono per tradizione donate ad associazioni benefiche che aiutano i bambini malati di leucemia. Proprio questa malattia trent’anni fa uccise il figlio del fondatore del marchio Alternative Hair, l’hair stylist Tony Rizzo.

All’inaugurazione dell’evento in Russia, lo scorso 29 settembre 2011, oltre a Tony Rizzo, erano presenti Anthony Mascolo, presidente del progetto, rappresentanti della Wella Professionals, sponsor principale della manifestazione, l’hair stylist russo più in voga Dmitrij Vinokurov, organizzatore e presidente dell’Alternative Hair in Russia, e Dolores Kondrašova, madrina della kermesse. Nelle insolite vesti di presentatrice la tennista russa Dinara Safina.  

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta