Per visitare la Federazione si parte da Jaroslavl’

Al via il Forum Internazionale del Turismo “Visit Russia che promuove al mondo il meglio della terra degli zar. Dal 20 al 21 ottobre 2011


Il 20 e 21 ottobre 2011 la città di Jaroslavl’ ospiterà il Forum Internazionale del Turismo “Visit Russia” (Visitare la Russia). Il Forum nasce da un’iniziativa del governo dell’oblast’ di Jaroslavl’ e l’Ente per lo sviluppo dell’“Anello d’oro”, con il sostegno dell’Agenzia Federale per il Turismo, del Ministero del Turismo, dello Sport e delle Politiche Giovanili e sotto l’egida del Rappresentante plenipotenziario del Presidente della Federazione russa nel Distretto Federale Centrale,  Georgij Poltavchenko.

Al Forum parteciperanno i rappresentanti delle regioni e delle città russe, investitori russi e stranieri, dirigenti di società turistiche, organizzazioni sindacali e associazioni, promotori, esperti del settore a livello nazionale e internazionale e altri interessati attivi nel settore del turismo.

Oggetto di discussione saranno la questione dell’integrazione della Russia nell’industria turistica globale, le strategie per attirare turisti e investimenti verso le regioni russe, la creazione di poli turistici come strumento di sviluppo innovativo, la promozione del turismo legato ad eventi e affari, l’esperienza globale nella creazione di marchi turistici, la loro influenza sull’economia e le loro potenzialità di crescita in Russia.

Da tempo vi era la necessità di istituire un punto di ritrovo tra esperti del settore, potenziali investitori e professionisti. Anche se l’industria del turismo in Russia è relativamente giovane rispetto a quelle dei Paesi europei, sta crescendo rapidamente e necessita di un sistema di management efficace. Con il giusto metodo di sviluppo, tale settore può trasformarsi in un motore per la crescita economica delle regioni.

Non è un caso che Jaroslavl’ sia stata scelta come sede del Forum. La regione ha una vasta esperienza nello sviluppo del potenziale turistico. Il governo regionale infatti è riuscito a creare un polo turistico-ricreativo che nei prossimi anni dovrebbe attirare investimenti per più di 15 miliardi di rubli in infrastrutture dedicate al turismo di ogni genere: da quello culturale, ricreativo, ambientale e suburbano a crociere, viaggi d’affari e organizzazione di eventi.

Secondo gli standard internazionali, che possono essere applicati anche alla realtà russa, ogni rublo investito in infrastrutture turistiche dovrebbe portare ad un profitto di sette rubli. Per ottimizzare i risultati l’approccio ideale è quello dei “raggruppamenti”: la questione della creazione di poli turistico-ricreativi sarà infatti uno degli argomenti chiave da trattare nel forum.

Ospiti e partecipanti avranno l’occasione di valutare l’esperienza di Jaroslavl’ e di presentare i loro progetti per la creazione di prodotti turistici. Oltre a questi, anche esperti stranieri presenteranno i loro progetti. Christoph Kiessling, ad esempio, fondatore e direttore del Siam Park e del Loro Parque di Tenerife, in Spagna, illustrerà al pubblico le caratteristiche di questo sito turistico che comprende uno zoo, un circo e un giardino botanico. Guntram Kaiser, amministratore delegato della società tedesca Kaisercommunication GmbH, presenterà le strategie per applicare l’esperienza tedesca nel turismo legato a grandi eventi sportivi (sull’esempio dei Mondiali di calcio del 2006) alla realtà dell’Anello d’oro russo. Jonty Yamisha, invece, amministratore delegato dello studio di Strategy Consulting della FTI, dagli Stati Uniti, svelerà i segreti relativi agli investimenti americani in Russia.

Inoltre verranno organizzati laboratori di gruppo dove esperti suggeriranno soluzioni per rendere i percorsi turistici russi famosi quanto quelli turchi o thailandesi.  Numerosi workshop e presentazioni offriranno proposte di prodotti turistici di eccezione. In particolare agli ospiti verrà presentata una “cartina delle fiabe” della Russia.   

Nell’ambito del Forum Internazionale del Turismo vi sarà una mostra delle regioni russe, in cui esse potranno esporre un piano complesso delle strategie di marca dei territori e alcuni progetti nel settore del turismo legato all’organizzazione di eventi. Considerato che tra i partecipanti ci sono molti potenziali investitori le regioni, presentando i loro progetti, avranno l’occasione di creare importanti partnership.

 
Informazioni supplementari

L’oblast’ di Jaroslavl’ è una regione della Federazione Russa che fa parte del Distretto Federale Centrale. Il capoluogo amministrativo è Jaroslavl’, una delle tre città russe incluse nella lista del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Tale regione comprende la maggior parte delle città che costituiscono il cosiddetto “Anello d’oro” di Russia. Il Volga, che attraversa le città storiche della Russia, costituisce la principale risorsa naturale della regione.

La regione vanta più di 5.000 monumenti di carattere storico e culturale. Il monumento architettonico più antico è la Cattedrale di Spaso-Preobraženskij (del 1152) a Pereslavl'-Zalesskij, mentre le stanze dei nobili del principato nel Cremlino di Uglič, insieme alla Cattedrale di Spaso-Preobraženskij di Jaroslavl’ e al Monastero Avraamev a Rostov costituiscono, tra gli altri, le perle dell’architettura del XV e XVI secolo. Nell’oblast’ di Jaroslavl’ ci sono più di 250 musei in attività, le cui collezioni vantano più di 800 000 elementi di valore culturale.    

Nella regione vengono organizzati eventi che attraggono numerosi turisti: questi possono frequentare, ad esempio, la Festa del Topo e quella dei Valenki presso la cittadina di Myškin, la festa invernale “Po ščuch'emu velen'ju” (“Come per incanto”) a Rostov, la festa dei bambini dedicata allo zarevič Dmitrij a Uglič, la Giornata del Mercante a Rybinsk o le Giornate dell’eredità europea e culturale di Jaroslavl’.   

Contatti:


Direzione esecutiva


Forum Internazionale del Turismo “Visit Russia”:


Elena Sirotkina, e-mail:   sirotkina@polylog.ru

Ekaterina Kats, e-mail: ekaterinakats@polylog.ru


Tel/fax: +7(495)258-22-38, www.visitrussia-yar.ru
   

    

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta