Pronti per la Disneyland russa?

Foto: Lori/Legion Media

Foto: Lori/Legion Media

Il parco di divertimenti per bambini più grande della Federazione sorgerà nella regione di Kaliningrad e conta di diventare un’attrazione turistica per russi e non solo

Su un'isoletta di Russia in mezzo all'Europa, la regione di Kaliningrad, sorgerà la Disneyland russa. Il governatore locale, Nikolaj Tsukanov ha avanzato la proposta di costruire sul territorio della sua regione, il parco di divertimenti più grande di tutta la Russia. Spera che questo attirerà nella regione un po' di turisti. Il presidente Dmitri Medevdev si è espresso a favore dell'iniziativa.

Al momento attuale la regione di Kaliningrad non è di sicuro tra le principali destinazioni turistiche dei russi, nonostante si trovi sul mare. A questo si aggiunge il fatto che ultimamente le autorità federali stanno concentrandosi più che altro sullo sviluppo delle potenzialità turistiche del Caucaso Settentrionale. Tuttavia il Caucaso è una regione sicuramente poco indicata per l'apertura di un parco di divertimenti per bambini, al contrario di Kaliningrad, come afferma l'osservatore della rivista Voyage Stepan Pavlovskij. “Si tratta di un parco per bambini. E il governo dovrebbe essere assolutamente pazzo per pensare di costruire una struttura del genere nel Caucaso Settentrionale, dove la situazione non si è ancora del tutto stabilizzata, nonostante la quantità di guerriglieri, stando a quanto affermano le autorità locali, stia diminuendo a vista d'occhio”, ha fatto notare Pavlovskij.

Le prospettive economiche di un parco Disneyland a Kaliningrad, tuttavia, lasciano perplessi. Secondo il direttore della foresta urbana di “Fili”, Vjacheslav Korol, questa regione si trova infatti troppo distante dal resto della Russia: “Io sceglierei la regione di Mosca. Così il parco divertimenti sarebbe di sicuro redditizio”. Un parco divertimenti a Kaliningrad avrebbe però un vantaggio indiscutibile: potrebbe essere un polo di attrazione non solo per i turisti russi, ma anche per quelli europei, provenienti dai Paesi adiacenti alla regione russa, come afferma il direttore della società Jet Travel, Maksim Pristavko. Secondo lui sarebbe sufficiente fare investimenti razionali nel progetto e svolgere un'efficace campagna di marketing.

La Russia ha cercato diverse volte di dotarsi di parchi di divertimenti moderni in sostituzione degli ormai obsoleti analoghi di epoca sovietica. La maggior parte di essi, però, è stata chiusa e la loro riapertura sarebbe ormai pericolosa. Ad esempio, il Parco della Cultura Gorkij è stato riconvertito a normale zona per il riposo, di giostre ormai non ne sono rimaste quasi più. Esistevano alcuni progetti per costruirne altri nella regione di Sverdlovsk, che però non sono mai stati realizzati.

Ad oggi in Europa esiste una sola Disneyland, quella che si trova vicino a Parigi. Il primo parco a marchio Disney venne aperto negli Stati Uniti, ma altre Disneyland esistono a Tokyo e a Hong Kong. Entro il 2016 un altro parco dovrebbe essere inaugurato a Shangai. Tutti i parchi Disney al di fuori degli Stati Uniti appartengono a società locali, ma vengono costruiti su licenza della Disney e con la partecipazione di specialisti inviati dalla corporazione americana. Il governatore Tsukanov non ha tuttavia chiarito se si siano già svolte trattative preliminari con la Disney riguardo al parco di Kaliningrad.

Foto: Lori/Legion Media

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta