Wikipedia e la Russia

Foto: Itar-Tass

Foto: Itar-Tass

Il fondatore della grande enciclopedia virtuale, Jimmy Wales, ha tenuto una lezione a Mosca sulla sua creatura e sul futuro digitale della comunicazione

 La versione russa di Wikipedia, l'enciclopedia virtuale globale, è al settimo posto per quantità di voci (ce ne sono più di 720.000) e come ha sottolineato il suo fondatore, Jimmy  Wales, è una di quelle che crescono più velocemente. Ed è proprio per parlare con la wiki-community russa di politica, libertà di parola, diritto d'autore e del futuro dei mezzi d'informazione, oltre che per capire come ha fatto a raggiungere tempi di crescita così rapidi, che Jimmy Wales si è recato a Mosca a metà giugno.

Durante la sua precedente visita in Russia due anni fa, Wales aveva affermato che la società russa era molto chiusa dal punto di vista dell'informazione. Rispondendo alla domanda se sia cambiata o meno la situazione in questi due anni, ha risposto: “Non si può fare a meno di notare che in Russia il processo di democratizzazione dei mass media sta andando avanti. Mi sembra che sia un processo molto salutare”. Per poi aggiungere: “Certo, non sono assolutamente un esperto di Russia e la mia opinione si basa solo su quello che ho sentito dai rappresentanti della nostra comunità nel vostro Paese, ma mi sembra che la situazione sia decisamente cambiata. Continua, sì, ad esserci una certa ingiustificata pressione sui giornalisti, ma la Russia di oggi non è sicuramente quella di 50 anni fa”.

Il fondatore di Wikipedia ha risposto anche alle domande relative al futuro dei mezzi d'informazione. Wales ritiene che per giornali e riviste sia ormai giunto il momento di profondi cambiamenti. Anche se non crede che tutti i media passeranno definitivamente al modello online nei prossimi 10 anni, è convinto che la diffusione delle informazioni attraverso le apparecchiature mobili potrebbe cambiare seriamente la posizione attuale del mercato dei mezzi d'informazione. L'unico problema è che sarà difficile costringere le persone, abituate a ricevere informazioni via Internet gratuitamente, a pagare per lo stesso servizio. La stessa Wikipedia non ha mai preso soldi per l'accesso ai suoi contenuti e non ha mai ospitato banner pubblicitari sulle sue pagine. Inoltre il sistema dei micropagamenti per i contenuti online non è ancora abbastanza sviluppato. Proprio su questi problemi si stanno concentrando i migliori cervelli dell'industria mediatica.

La curiosità

La prima voce della versione russa di Wikipedia è stata ovviamente quella sulla Russia. Era composta da due frasi in tutto: “La Russia è la patria degli elefanti (dalle grandi orecchie, fuoristrada = vedi Mammut). In Russia ci sono inoltre molte università, fabbriche. Ci sono anche delle scuole”.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta